INTERVISTA TC - Basso: "Vibonese, crediamo nelle nostre qualità"

18.11.2021 18:00 di Raffaella Bon   vedi letture
INTERVISTA TC - Basso: "Vibonese, crediamo nelle nostre qualità"
TMW/TuttoC.com
© foto di Alessio Bompasso

Gianmarco Basso, duttile centrocampista della Vibonese, parla a TuttoC.com del momento della squadra rossoblu e del suo percorso al primo anno tra i professionisti dopo le esperienze tra Finale, Virtus Entella e Lavagnese: "La gara con il Bari a mio avviso è stata affrontata nel modo giusto, imponendo il nostro gioco e mettendo fortemente in difficoltà la squadra capolista, è stata sicuramente influenzata da episodi che a noi purtroppo sono stati sfavorevoli come il fuorigioco dubbio nel finale della gara. Ultimamente paghiamo a caro prezzo ogni piccola disattenzione, questo ci deve spingere ad alzare ancora di più il livello di attenzione e concentrazione e deve stimolarci a dare tutti qualcosa in più per raggiungere l'obiettivo di squadra e mantenere la categoria che Vibo merita. Giocare in uno stadio come il San Nicola è stata una bellissima emozione e il fatto di aver condotto la gara con personalità di fronte ad un avversario come il Bari ci deve dare ancora più convinzione dei valori che ha la Vibonese e proprio con questi valori affrontare le prossime partite con ancora più fame e voglia di raccogliere altre vittorie per risalire in classifica".

Il Bari è la candidata numero uno alla promozione?

"Il Bari è sicuramente una squadra con valori importanti e con giocatori di assoluta qualità, in generale questo campionato è, a mio avviso, di livello molto alto dove ogni squadra può giocarsela contro tutte, Vibonese compresa. È chiaro che per riuscirci dobbiamo mettere in campo il 120% e spingerci tutti insieme oltre il massimo, a partire dalla prossima partita!".

E lei? Come sta andando il suo campionato?

"Per quanto riguarda il rendimento mio personale secondo me fino a questo momento è stato positivo nelle prestazioni, mi sto mettendo a disposizione per farmi trovare pronto a prescindere dalla posizione in cui vengo schierato e mi preparo ogni giorno per mettere a disposizione al meglio le mie qualità per aiutare la squadra. Continuerò a lavorare per alzare la mia asticella e aumentare anche gol e assist per incidere nel risultato e aiutare la squadra ad innescare la scintilla per dare una virata importante all’andamento che è stato finora".

Com'è stato il salto dalla Lavagnese ai professionisti? Che differenze ha incontrato?

"Fin dagli anni alla Lavagnese ho lavorato per migliorarmi e salire di categoria, al mio arrivo alla Vibonese ho lavorato ancora di più per colmare nel più breve tempo possibile il gap che vi è tra le categorie e per imparare tutto ciò che mi chiede l'allenatore. La differenza penso che sia principalmente a livello mentale, serve adattarsi a palcoscenici di livello assoluto in cui si gioca e serve migliorarsi ogni giorno per diminuire i tempi di gioco che sono la caratteristica principale che divide le categorie nel calcio".

Come sta trovando il Girone C?

"Il girone C è un girone di livello altissimo, ci sono piazze che hanno fatto sempre categorie come serie A e B ed entrare in questi stadi ti fa percepire la sensazione di essere un giocatore di queste categorie. Noi dobbiamo lavorare per migliorarci e dimostrare di poter dire la nostra, ce la siamo sempre giocata con tutti gli avversari, dobbiamo credere nelle nostre qualità, nel lavoro e in quello che facciamo ogni giorno per dare una svolta positiva al nostro campionato".

Adesso la testa va allo scontro salvezza col Monterosi.

"La gara con il Monterosi la vogliamo preparare al meglio. C'è voglia di fare e di portare a casa punti. È il momento in cui dobbiamo compattarci, restare uniti ed essere disposti a fare "una corsa in più" per il compagno al nostro fianco. Ognuno di noi deve guardarsi dentro, tirare fuori l’orgoglio e portare in campo la migliore versione di se stesso. Alzare l'asticella ogni giorno della settimana, aumentare l'impegno e l'intensità per arrivare alla partita di sabato pronti per vincere e raccogliere i risultati che tutti ci aspettiamo".