INTERVISTA TC - Ds Pro Patria: "Partiti per salvarci, playoff tanta roba"

20.04.2021 15:00 di Antonino Sergi   Vedi letture
INTERVISTA TC - Ds Pro Patria: "Partiti per salvarci, playoff tanta roba"

Ancora una grande stagione per la Pro Patria, fari spenti e traguardo playoff raggiunto con largo anticipo. Una società che senza proclami ha raggiunto grandi risultati grazie al lavoro di mister Ivan Javorcic e di Sandro Turotti, lo stesso direttore sportivo dei bustocchi è intervenuto ai microfoni di TuttoC.com per raccontare questa stagione.

Direttore come sta questa Pro Patria?
"Questa Pro Patria se non fosse per gli infortuni starebbe anche bene, purtroppo nelle ultime due partite abbiamo perso giocatori importanti come Lombardoni, Bertoni e Parker. Dobbiamo finire ancora gli accertamenti ma sicuramente non sono due infortuni lievi. Per il resto nell'ultima partita abbiamo fatto una buona gara rispetto a quella con il Novara, serviva una reazione che è arrivata". 

Comunque siete ai playoff, magari vincendo una delle ultime due si poteva anche ambire al quarto posto?
"Partiamo dal presupposto che la nostra squadra è partita per salvarsi, già essere nei playoff è tanta roba. Essere in questa situazione è premiante, è chiaro che in queste ultime due partite potevamo fare qualcosa in più visto che c'era l'opportunità di fare un passaggio in più. Sotto questo aspetto però non possiamo lamentarci, arrivare quinti è già un grandissimo risultato".

Il playoff comunque lo giocate in casa.
"E' una cosa importante, sperando anche che ci sia il pubblico. Sarebbe un premio per società e tifosi che per tutto l'anno non hanno potuto assistere a nessuna delle nostre gare".

I tifosi sono riusciti a stare vicini alla squadra?
"Si sicuramente, sono stati veramente bravi. Anche domenica prima di andare a giocare sono venuti ad incitarci, ci hanno sempre sostenuto e adesso la società ha fatto delle iniziative dove stanno rispondendo alla grande. Speriamo si possano aprire gli stadi per vedere la propria squadra giocarsi questi playoff".

State valorizzando diversi giovani tra questi Latte Lath e Kolaj che hanno siglato dieci reti in due.
"Non solo loro, sono chiaramente contento del loro rendimento. Penso anche a Parker e Castelli, non dimentichiamo Le Noci che nonostante abbia giocato meno ci ha dato tanto. Siamo una squadra molto giovane, anche domenica abbiamo giocato con sette ragazzi dal 98 in giù".

Tralasciando i giovani, un vecchietto come Riccardo Colombo si è reso protagonista di un gesto inusuale nel mondo del calcio.
"Si è reso protagonista di un gesto che si è sentito di fare, non si vedono molto questi gesti sui campi di calcio".

All'ultima giornata avrete l'Alessandria, chi è la vera favorita in vista dello scontro diretto con il Como?
"Ci sono due partite, il Como ha due risultati perché può anche pareggiare e giocarsi tutto all'ultima mentre l'Alessandria le deve vincere entrambe. Sicuramente chi lo vincerà lo farà meritando".

Conclusione con il capitolo allenatore, quarto anno con Javorcic e contratto in scadenza. Si è già parlato di futuro?
"Con il mister ci conosciamo talmente bene e sa tutto di noi, se vuole continuare a stare con noi ci mettiamo un attimo per proseguire questo rapporto. E' ancora presto, dobbiamo finire il campionato e sarà un discorso che affronteremo più avanti come tutti gli anni. Siamo molto contenti del suo operato".