INTERVISTA TC - Ds Vibonese: "Non è stato un mercato di crisi"

01.09.2021 15:30 di Raffaella Bon   vedi letture
Luigi Condò
TMW/TuttoC.com
Luigi Condò

All'indomani della chiusura della sessione estiva di mercato, ai microfoni di TuttoC.com è intervenuto Luigi Condò, direttore sportivo della Vibonese, per tirare le somme delle trattative effettuate: "Secondo me si è risentito poco della pandemia, ci sono stati investimenti importanti sia in B sia in C. In Lega Pro le neopromosse hanno preso giocatori importanti, investendo tanto. E' inutile essere generici: secondo me non è stato un mercato di crisi, non è stato un mercato stellare ma nemmeno un mercato debole. Per me è stato un buon mercato".

Il vostro nello specifico?
"Abbiamo venduto Spina al Crotone, come continuazione della politica societaria: cerchiamo di fare plusvalenze ogni anno. L'anno scorso Emmausso al Catania, quest'anno Spina al Crotone. Cerchiamo di puntare su giovani di qualità. Il nostro presidente è un imprenditore importante, con una società solida. Cerchiamo di fare un mercato mantenendo comunque un profilo basso".

Chi si è rafforzata di più nel vostro girone?
"Sicuramente Avellino, Catanzaro e Bari. Saranno loro che si giocheranno la B. Poi è anche vero che ci sono state società come Fidelis Andria, Virtus Francavilla e Monterosi, che hanno fatto investimenti molto importanti. Anche la Paganese ha fatto un mercato con giocatori esperti ed importanti. In linea di massima tutti hanno investito e questo testimonia la difficoltà del Girone C".

Voi avete rivoluzionato la rosa.
"Sì, abbiamo cambiato tanto. E' normale che quando cambi tanto c'è sempre il rischio che la squadra abbia bisogno di tempo per conoscersi. Ma abbiamo preso un allenatore (Gaetano D'Agostino, ndr) che credo sia quello più di prospettiva: negli ultimi anni ha fatto due volte i playoff. Quest'estate aveva mercato per andare in B. Abbiamo cercato di prendere una figura che desse lustro alla Vibonese. E' per bene e serio: siamo contenti di questo".