INTERVISTA TC - Firicano: "Esoneri? Malcostume italiano radicato"

11.11.2021 15:00 di Raffaella Bon   vedi letture
INTERVISTA TC - Firicano: "Esoneri? Malcostume italiano radicato"
TMW/TuttoC.com

Dopo l'ultima esperienza sulla panchina del Prato Aldo Firicano è in attesa della chiamata giusta per tornare in pista. Il tecnico ha parlato ai microfoni di TuttoC.com.

Cosa pensa dei tanti esoneri ai quali stiamo assistendo?
"Purtroppo è un malcostume molto radicato specialmente in Serie C ma in generale in tutto il calcio italiano: il primo a pagare è sempre l'allenatore anche a fronte di un programma che prevedeva più tempo, quando i risultati non arrivano e vanno a intaccare questa figura. Il nostro è un mestiere fatto di molta mobilità e credo sia difficile cambiare questo andazzo".

Come valuta il momento della Carrarese?
"E' partita male poi si è ripresa riportandosi in una posizione di classifica più consona. Rispetto alle scorse stagioni nelle quali aveva una squadra più forte con maggiori ambizioni, la società punta soprattutto al mantenimento della categoria. Rispetto all'era Baldini è cambiata un po' la filosofia, l'obiettivo non è la promozione a tutti i costi ma una sana gestione che passa dalla valorizzazione dei giovani".

Sarà l'anno buono per il Sudtirol?
"Visti i miei trascorsi tifo tantissimo per il Sudtirol, spero che possa fare il salto di categoria. E' una società fantastica, in un posto bellissimo, dove ora si fa calcio. E' stato rifatto lo stadio, c'è un centro sportivo all'avanguardia. Per strutture e solidità il club merita la B e forse qualcosa di più".

Quanto le manca lavorare sul campo?
"Tantissimo, questa passione per il calcio e per allenare cresce sempre e stare fuori fa male. Dopo la bella esperienza che ho avuto a Prato sto aspettando una chiamata dalla C o comunque da una buona squadra con ambizioni. Ho ricevuto qualche proposta che sto declinando, ringrazio ad esempio la Pro Livorno. Penso di avere tanto entusiasmo per provare a fare questo mestiere così difficile ma nello stesso tempo affascinante".