INTERVISTA TC - Vibonese, Tumbarello: "Salviamoci il prima possibile"

09.04.2021 15:00 di Marco Pieracci   Vedi letture
Giorgio Tumbarello
TMW/TuttoC.com
Giorgio Tumbarello
© foto di Andrea Rosito

Ventotto presenze e un gol nella sua terza stagione tra i professionisti per Giorgio Tumbarello, Il vicecapitano della Vibonese è intervenuto ai microfoni di TuttoC.com per parlare del rush finale di campionato che attende la formazione calabrese tornata al successo contro il Teramo dopo diciotto giornate prima di cedere in casa al Bari: “Ci portavamo sulle spalle il peso di non vincere da tante giornate, col Teramo che è una squadra molto forte è arrivata una bella vittoria poi ci sta di perdere col Bari, lo consideriamo un incidente di percorso”.

Salvezza diretta più vicina dopo gli ultimi risultati?
“Si poteva pensare che la Ternana una volta vinto il campionato potesse mollare un po’, invece stanno continuando a dimostrare la loro personalità. Mi dispiace tanto per la Cavese che mi rimane nel cuore perchè è stata la squadra che mi ha lanciato tra i professionisti. Ora il nostro obiettivo è quello di tenere dietro Bisceglie e Paganese”.

Quanto è difficile convivere con questa situazione?
“Vivere sempre con la paura, dovendo fare tre o quattro tamponi ogni settimana non è semplice ma cerchiamo di vivere questa situazione in maniera serena anche perché abbiamo vissuto momenti peggiori con 25 positivi. Adesso fortunatamente ne abbiamo soltanto due perché uno si è appena negativizzato".

Soddisfatto della stagione a livello personale?
“Sono contento perché ho giocato quasi tutte le partite, anche se come risultati le stagioni precedenti sono state migliori. Con la Cavese non abbiamo fatto i playoff per la differenza reti e l’anno scorso, a nove partite dalla fine, eravamo a un punto dal decimo posto. Non mi posso lamentare ma penso che si possa sempre fare di più".

Come ti stai trovando con Roselli?
“Il mister ha le idee chiare, utilizza un modulo diverso rispetto a quello al quale ero abituato: è un tecnico molto esperto e preparato che sa lavorare sul campo”.

Da siciliano che idea ti sei fatto sulle difficoltà del Palermo?
“Una piazza come Palermo punta sempre in alto, a vincere campionati. Sicuramente le aspettative erano altre ma la Serie C è un campionato difficile, strano, nel quale non puoi dare nulla per scontato".

Che partita sarà quella di domani?
"Sappiamo di affrontare una buona squadra ma andremo là per provare a fare risultato e raggiungere il prima possibile la salvezza”.