2^ Divisione, l'Ischia batte la capolista: il sogno è ad un passo

Ischia-Cosenza 2-0
06.04.2014 20:40 di Cristian Messina  articolo letto 2145 volte
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com
2^ Divisione, l'Ischia batte la capolista: il sogno è ad un passo

L'Ischia Isolaverde conquista i tre punti contro la capolista Cosenza e ipoteca la promozione nella Lega Pro Unica. La squadra di Antonio Porta mette in campo una prestazione perfetta, dimostrandosi più forte dell'assenza di Cunzi: in attacco, ed è una sorpresa, non ci sono punti di riferimento, con Carmine Muro preferito al possente centravanti Angelo Scalzone. Non se la passa certamente bene la compagine guidata da Roberto Cappellacci, che deve fare a meno di gente come Guidi, Mannini e De Angelis. Mosciaro, in dubbio fino all'ultimo minuto, è regolarmente in campo.

Pronti via e sono subito i gialloblu a farsi pericolosi: al 4' è proprio Muro a sfruttare il primo errore difensivo del Cosenza, Frattali viene scavalcato ma il pallone è respinto sulla linea da un difensore calabrese. Sul corner seguente arriva il vantaggio dell'Ischia: colpo di testa di Peppe Mattera, sulla palla si avventa Pasquale Rainone che – tenuto in gioco da Assante – mette in gol con una zampata sotto misura. Al 16' altra occasione per gli isolani: grande idea di Finizio che pesca Crimaldi in area, il centrocampista va di prima intenzione ma Frattali mette in angolo. Nel momento migliore dei campani il Cosenza ha un moto d'orgoglio e al 20' Partipilo mette incredibilmente a lato a tu per tu con Mennella. L'Ischia amministra il vantaggio grazie alla diga di centrocampo composta da Liccardo, Alfano e De Francesco; gli ospiti sbattono contro un muro e non riescono a preoccupare la difesa gialloblu, anche oggi in giornata di grazia. Nel secondo tempo la musica non cambia: al 60' Mattera pesca Tito con un assist millimetrico, il terzino sinistro crossa in area ma Longo non ci arriva per un soffio. È il prologo al raddoppio isolano che arriva al 72': disimpegno errato della difesa rossoblu, Gennaro Armeno ne approfitta, si invola verso la porta e segna. Il Cosenza non ci sta e al 77' sfiora il gol con Chirnllato: colpo di testa dell'attaccante ma Luigi Mennella, con un grande gesto tecnico, si conferma insuperabile tra le mura amiche. Nel finale dominio degli isolani: dopo l'espulsione di Palazzi, arrivata all'85' per fallo da ultimo uomo su Armeno, i gialloblu sfiorano il tris prima con Finizio all'87' (pregevole tiro al volo di poco a lato) e all'88' con Longo, che spara fuori da buona posizione.

Con questa vittoria l'Ischia balza al sesto posto e, a tre giornate dal termine, con otto punti di vantaggio sul Sorrento nono, può dirsi ormai in Lega Pro Unica. I campani sono così ad un passo dalla realizzazione di un sogno cullato per sedici anni: domenica in casa del Melfi potrebbe bastare anche solo un pareggio per festeggiare.

ISCHIA-COSENZA 2-0

MARCATORI: 5' Rainone, 72' Armeno

ISCHIA (4-4-1-1): Mennella, Finizio, Tito, Mattera, Rainone; Armeno (90' Tricoli), Alfano, Liccardo, Crimaldi (Trofa 81'); De Francesco; Muro (55' Longo) A disp. Taglialatela, Petrucci, Falagario, Scalzone All. Porta

COSENZA (4-4-2): Frattali, Bigoni, Palazzi, Blondett (69' Carrieri), Pepe; Partipilo (69' Chinellato), Asante, Corsi, Alessandro; Mosciaro, Calderini (69' Napolano) A disp Orlandi, Meduri, Giordano, Perrotta All. Cappellacci

ARBITRO: Pillitteri di Palermo (Tudisco-Argento)

NOTE: calci d'angolo: 7 a1 per l'Ischia. Ammoniti: Blondett e Asante(C); espulso Blondett. Recupero: 1' pt; 4' st. Spettatori 1500 circa; presenza di 50 tifosi del Cosenza