Top & Flop di Savona-Lupa Roma

16.04.2016 17:05 di Marco Pieracci   Vedi letture
Giampietro Perrulli (Top Lupa)
© foto di Federico Gaetano
Giampietro Perrulli (Top Lupa)

Termina 3-1 la sfida salvezza tra Savona e Lupa Roma. Scacco in tre mosse per gli Striscioni, che dopo un primo tempo incolore nella ripresa si trasformano, riprendendo per i capelli una partita che sembrava compromessa, con sullo sfondo lo spettro della matematica retrocessione. Inizio choc per i padroni di casa: Falcone non trattiene la parabola di Perrulli dalla bandierina e la strada diventa subito in salita. La Lupa controlla senza particolari problemi la reazione troppo disordinata di Cabeccia e compagni. Ad inizio ripresa però è proprio il capitano biancoblu a suonare la carica, approfittando della sponda di Rossini. E' qui che cambia l'inerzia della gara: Braghin azzecca i cambi mandando in campo Palumbo e Morra. Saranno loro a firmare la vittoria in rimonta. La formazione capitolina sparisce progressivamente dal campo subendo passivamente il ritorno di fiamma del Savona che, grazie a questi tre punti, tiene aperto un piccolo spiraglio. Ecco top & Flop del match.

TOP

Virdis (Savona): non segna ed è sicuramente una notizia, ma è lui a orchestrare la rimonta servendo due assist decisivi a Palumbo e Morra. Si carica la squadra sulle spalle nel momento più difficile, mettendo classe ed esperienza al servizio dei compagni. ESEMPIO

Perrulli (Lupa Roma): possiede qualità tecniche fuori dalla norma. Palla incollata al piede e per gli avversari sono dolori. Propizia l'illusorio vantaggio, con una traiettoria velenosa e si diverte dispensansdo giocate di classe. Cala alla distanza. ESTROSO
 

FLOP

Falcone (Savona): la partenza è da incubo: si fa scivolare via dalle mani un pallone che sembrava innocuo, combinando una vera e propria frittata. Si fa parzialmente perdonare, con una bella parata in avvio di ripresa. Non abbastanza tuttavia per cancellare quella macchia. PASTICCIONE

Tajarol (Lupa Roma): troppo precipitoso in fase conclusiva. Si costruisce la chance del raddoppio, ma la spara fuori da buona posizione. Un errore pesante nell'economia del match che infatti, come puntualmente accade nel calcio, prenderà un'altra piega. SLIDING DOORS