Cesena, omaggio a Weisz. Patrignani: "Monito alle generazioni di oggi"

13.02.2020 19:20 di Marco Pieracci   Vedi letture
© foto di Francesco Di Leonforte/TuttoCesena.it
Cesena, omaggio a Weisz. Patrignani: "Monito alle generazioni di oggi"

E’ stata un incontro emozionante, che ha unito nello stesso istante Cesena, la storia e lo sport, quello che questa mattina ha visto il presidente del Cesena FC, Corrado Augusto Patrignani, il tecnico William Viali e i calciatori bianconeri visitare la mostra in Galleria Pescheria dedicata all’allenatore ungherese ebreo Arpad Weisz. Vincitore di uno scudetto con l’Inter (1930) e di due con il Bologna (1936 e 1937), Weisz fu allontanato dall’Italia nel 1938 per le leggi razziali scomparendo insieme alla famiglia ad Auschwitz nel 1944.

“È importante - ha dichiarato il presidente bianconero Augusto Patrignani - che dallo sport arrivino messaggi di contrasto ad ogni forma di discriminazione e intolleranza. È significativo che a Cesena questa opera di sensibilizzazione avvenga riportando alla memoria una figura come Arpad Weisz che, dopo essere stato un allenatore di successo, fu una delle vittime del genocidio più grave che la storia ricordi. Iniziative come questa mostra a lui dedicata rappresentano un monito alle generazioni di oggi affinché gli errori del passato non si ripetano più”. A conclusione del percorso espositivo la squadra ha donato al Sindaco Enzo Lattuca e all’Assessore allo Sport Christian Castorri una maglia del Cesena con il nome di Arpad Weisz e il numero 18 che nella simbologia ebraica significa “vita”.