Gozzano, riconfermarsi in Serie C sarà la vera sfida

08.07.2019 06:00 di Marco Pieracci   Vedi letture
Alex Casella
Alex Casella

Il ritorno di Alex Casella come direttore sportivo e la scelta di David Sassarini, come erede di Antonio Soda in panchina. Sono questi i primi due tasselli del Gozzano edizione 2019/20. La seconda stagione consecutiva tra i professionisti dei piemontesi prenderà il via ufficialmente tra una settimana, lunedì 15 luglio, con il raduno allo stadio D'Albertas. Stavolta al timone non ci sarà lo storico patron Alberto Allesina, artefice della grande scalata del club rilevato quanto militava in prima categoria e portato fino alla Serie C. Una perdita molto pesante per l'ambiente rossoblu che adesso si trova di fronte alla sfida più difficile: quella di mantenere la categoria senza poter contare su un punto di riferimento così importante. Ripetere l'ultimo campionato, concluso con una salvezza tranquilla, centrata con largo anticipo senza dover ricorrere ai playout non sarà facile. Un grande risultato per questa piccola matricola che non ha pagato lo scotto del noviziato, approcciandosi immediatamente alla nuova realtà con la giusta mentalità. Dopo la fugace parentesi col Carpi, Casella è pronto a riprendere il discorso laddove lo aveva lasciato e stavolta se possibile in sede di costruzione del nuovo organico il compito sarà ancora più arduo perchè il prossimo torneo, al netto delle nuove norme regolamentari, si preannuncia decisamente competitivo. La prima mossa è stata affidare l'incarico di allenatore a Sassarini, ex tecnico tra le altre di Vis Pesaro, Seregno e Pianese desideroso di riscattare l'ultima esperienza poco fortunata alla guida della Primavera dell'Udinese. Stupire ancora sarà la missione dei cusiani, anche per non deludere chi da lassù continuerà a seguirne con passione le vicende.