Top & Flop di Arezzo-Juventus U23

18.09.2019 22:45 di Valentino Bonetti   Vedi letture
Luca Clemenza (Juventus U23)
Luca Clemenza (Juventus U23)

Si è chiusa sul risultato di 1-2 il recupero della 3^ giornata del Girone A tra Arezzo e Juventus U23, giocata alle 20,30 al “Città di Arezzo”. La gara era inizialmente prevista per l'8 settembre scorso, ma la squadra bianconera ha chiesto il rinvio a causa degli impegni in nazionale di molti dei suoi elementi. Così come nella passata stagione, la Curva Sud “Lauro Minghelli” non è entrata allo stadio per protesta contro le squadre B, le quali, secondo gli esponenti del tifo amaranto: “smorzano la veracità ed il campanilismo, elementi fondamentali della Serie C”. Gli stessi tifosi amaranto hanno attaccato uno striscione sul pullman della Juventus U23 recante la scritta: No alle squadre B”. Padroni di casa con nove assenti (Borghini, Burzigotti, Corrado, Dell'Agnello, Picchi, Sereni, Volpicelli, Zini ed il portiere Pissardo, squalificato), con due Berretti in panchina (Bordonaro e Fazzuoli) e schierati da mister Di Donato con il consueto 4-2-4 nel quale Tassi affianca Foglia a centrocampo e Gori gioca al centro dell'attacco al fianco di Cutolo. Sulle fasce spazio a Belloni e Piu. Per quanto riguarda la Juventus U23, Pecchia schiera la stessa formazione che ha iniziato la gara poi pareggiata 2 a 2 contro la Pro Patria. Quattro minuti e l'Arezzo è già in vantaggio: contropiede amaranto gestito da Cutolo, servizio per Belloni, scarico all'indietro per Foglia, che fa secco Loria con un piatto destro angolatissimo. Passano altri quattro minuti e la gara torna in parità: la Juventus U23 attacca da sinistra, Daga non è perfetto nell'uscita sul cross, scontro tra Mota Carvalho e Luciani, poi l'attaccante ex Virtus Entella insacca a porta sguarnita. La gara è piacevole e ricca di occasioni, ma è la Juventus U23 ad essere padrona del campo, sopratutto per la superiorità numerica in mediana. La squadra allenata da Fabio Pecchia (espulso al 20' per proteste) passa in vantaggio in chiusura di primo tempo grazie al calcio di rigore trasformato da Clemenza (spiazzato Daga) e concesso per fallo di Belloni su Olivieri. In avvio di secondo tempo Di Donato toglie Piu per inserire Rolando ma la gara, rispetto a quanto accaduto nel primo tempo, impiega più tempo a decollare. È proprio il neo entrato attaccante esterno a fornire alla squadra di Di Donato la possibilità di pareggiare i conti con un dribbling ai danni di Rosa in area di rigore, seguito dal fallo (ingenuo) del terzino della Juventus U23. Dal dischetto calcia Gori ma la sua conclusione è respinta da Loria, poi è determinante anche Alcibiade nell'allontanare il pallone prima che lo stesso attaccante avesse la possibilità di ribadire in rete dopo la respinta del portiere. L'Arezzo ci prova fino al 94' ma Loria è ancora strepitoso nel negare la rete agli amaranto. Dopo 21 partite cade l'imbattibilità interna dell'Arezzo, Juventus U23, alla prima vittoria in campionato, che aggancia proprio la squadra di Di Donato a quota 4 in classifica.

Ecco top e flop della gara appena conclusa:

TOP:

Gabriele Gori (Arezzo): è vero che fallisce il rigore del possibile 2-2 facendosi respingere la conclusione da Loria, ma la prestazione del classe '99 è comunque di spessore e gli applausi ricevuti al momento della sostituzione ne sono dimostrazione. Va al tiro in più di un'occasione dimostrando grande personalità oltre alle note doti fisiche e tecniche. Positivo anche l'ingresso in campo di Rolando. EROE MANCATO
Il centrocampo della Juventus U23: la partita la squadra di Pecchia la vince nel settore nevralgico, dove Clemenza e Toure, la fanno da padroni. Il primo si toglie anche lo sfizio di insaccare il rigore che vale i tre punti, mentre il secondo fa valere il proprio strapotere fisico contro gli avversari. Merita la citazione anche Loria, decisivo sul rigore e all'ultimo secondo. PADRONI DEL CAMPO

FLOP:

Alessandro Piu (Arezzo): gioca un tempo in cui si vede soltanto con un tiro deviato da Alcibiade che produce un corner. Per il resto è quasi sempre estraneo alla manovra, un po' perché è la squadra di Pecchia a fare la partita, un po' perché l'Arezzo quando attacca si affida alla corsia di destra. AVULSO
Eric Lanini (Juventus U23): 66 minuti durante i quali mette in mostra la sua grandissima velocità, ma anche una certa imprecisione, infatti, fallisce il gol dopo sette minuti a tu per tu con Daga e calcia malissimo al 42', dopo altra azione in velocità sulla destra. Meglio il sinistro a giro al 20' sull'errore di Daga, che però si salva. IMPRECISO