Top & Flop di Pergolettese-Renate

28.11.2020 17:20 di Lorenzo Carini Twitter:    Vedi letture
Top & Flop di Pergolettese-Renate
TMW/TuttoC.com

Il Renate continua a vincere e a convincere nel Girone A di Serie C: in occasione dell'anticipo del sabato della tredicesima giornata, i nerazzurri di Aimo Diana portano a casa il quinto successo consecutivo grazie al 2-0 esterno rifilato alla Pergolettese. Al "Giuseppe Voltini" di Crema, gli ospiti comandano il gioco fin dalle prime battute senza incorrere in particolari problemi: la partita si sblocca, meritatamente, dopo soli dieci giri d'orologio con un gran sinistro da fuori area di Kabashi, bravo ad approfittare di un pallone allontanato male dalla retroguardia gialloblù ma anche piuttosto fortunato per l'indecisione del portiere Ghidotti. L'episodio che fa girare definitivamente il match in favore di Rada e compagni ha luogo al 30': Palermo commette un fallo di mano nei pressi del cerchio di centrocampo, l'arbitro decreta così un calcio di punizione in favore del Renate ma l'ex giocatore della Sicula Leonzio non la prende bene e, a causa di qualche parola di troppo rivolta al sig. Bitonti di Bologna, si vede sventolare il cartellino rosso. Avanti di un gol e di un uomo, il Renate non ha particolari problemi a gestire il punteggio: brave a resistere all'assalto del "Pergo" ad inizio ripresa, le "Pantere" chiudono definitivamente i conti al 64' con un calcio di rigore realizzato da Giovinco, abile a spiazzare l'estremo difensore avversario dagli undici metri.

Il Renate, grazie all'affermazione odierna, vola momentaneamente in vetta al raggruppamento con due punti di margine sulla Pro Vercelli, attesa domani pomeriggio dal derby piemontese contro l'Alessandria al "Moccagatta". La Pergolettese, dal canto suo, rimane incastrata nella zona calda della graduatoria: dall'avvento di Luciano De Paola sulla panchina gialloblù dopo le dimissioni di Matteo Contini, non è ancora arrivato un punto (tre sconfitte in altrettante partite disputate) per Bakayoko e soci, chiamati al riscatto già mercoledì quando al "Voltini" arriverà la Juventus U23 per la disputa del recupero dell'undicesima giornata.

TOP
Kevin Varas (Pergolettese): nel buio totale, il giocatore a farsi vedere più degli altri è il classe '93 ex Pro Vercelli. Il centrale di origini ecuadoregne non riesce a prendere per mano il resto dei compagni in un pomeriggio complicato fin dall'inizio, ma per quanto possibile dimostra lucidità e attenzione quando viene chiamato in causa. Non molla mai la presa: esce dal campo al 71' a partita compromessa. BRAVO A CREDERCI

Elvis Kabashi (Renate): il centrocampista albanese ha il merito di sbloccare la contesa con un gran gol da fuori area. Il numero 8 nerazzurro gioca una partita di altissimo livello specialmente nel primo tempo: nella ripresa, anche alla luce dei pochi tentativi offensivi della Pergolettese, si limita invece a mantenere il possesso del pallone a centrocampo senza incorrere in alcun pericolo. BRAVO!

FLOP
Marco Palermo/Simone Ghidotti (Pergolettese): ingenuità colossale per il primo, che si fa espellere al 30' del primo tempo dopo aver rivolto qualche parola di troppo all'arbitro. Alla sua prima partita da titolare con la maglia della Pergolettese, l'ex Sicula Leonzio rimedia subito un cartellino rosso che potrebbe anche costargli la fiducia dell'allenatore nelle prossime uscite. Per quanto riguarda Ghidotti, invece, è tutt'altro che impeccabile il suo tentativo di bloccare la conclusione di Kabashi sullo 0-0: il giovane di proprietà della Fiorentina è mal posizionato e continua a subire gol, siamo già a quota 20 in 12 partite. INGENUI

Nessuno nel Renate: prova di forza dei ragazzi di Aimo Diana, mai realmente in difficoltà. Bravi a capitalizzare le occasioni avute, i nerazzurri possono proseguire il loro campionato di vertice trascorrendo una notte addirittura in testa alla classifica: il campionato è ancora lunghissimo, ma sognare la Serie B non costa nulla. Prestazione di spessore da parte di tutti, subentrati compresi. NULLA DA DIRE