Top & Flop di Virtus Entella-Arezzo

18.04.2019 23:05 di Niccolò Anfosso   Vedi letture
Andrea Paolucci
© foto di Federico Gaetano
Andrea Paolucci

La Virtus Entella non sbaglia e s'impone per 2-1 sull'Arezzo al termine di una partita tiratissima e altamente equilibrata per tutto il corso dei novanta minuti. A decidere l'incontro è stata la bellissima rete di Iocolano al volo di sinistro su assist di Crialese, con il provvisorio pareggio di Brunori che aveva acceso le speranze amaranto, scomparse definitivamente con la rete di Belli su assist di Paolucci. È stato, come prevedibile, un match molto tirato e gli episodi sono stati decisivi in ottica risultato finale. Vittoria di vitale importanza per la formazione di Boscaglia che, con il successo del Piacenza, mantiene il  risicato vantaggio di un solo punto sulla squadra di Franzini. E martedì prossimo ci sarà la sfida decisiva tra i "Diavoli Neri" e i biancorossi, un match che vale la Serie B. Andiamo ad analizzare però quanto visto nella serata del Comunale: dopo un avvio schiacciante e tambureggiante dei padroni di casa, costantemente nella metà campo degli amaranto, i ragazzi di patron Gozzi riescono a sbloccare il match e a gestire la sfera senza affondare il colpo dopo aver siglato la rete del vantaggio. Nella ripresa, da evidenziare la spinta amaranto che si è fatta particolarmente insistente, sebbene i ragazzi di Dal Canto non abbiano creato grossissimi pericoli alla porta difesa da Paroni. I biancocelesti hanno abbassato notevolmente il baricentro e gli amaranto hanno pareggiato i conti con la rete del sopracitato Brunori, che ha depositato in goal a porta sguarnita dopo un'ottima discesa sul settore di sinistra, da parte di Sala. L'Entella non demorde e trova, grazie alla rete di Belli, la rete che decide l'incontro e che consta di tre punti d'oro. Nel finale si accendono gli animi in campo e sugli spalti: vengono cacciati i due allenatori: Boscaglia e Dal Canto, con la successiva espulsione di Pelagatti che ha colpito al volto, a gioco fermo, un diretto avversario. Esce comunque a testa alta l'Arezzo che ha giocato la partita che ci saremmo aspettati: manovra cauta nella prima frazione e ricerca degli spazi nella ripresa, con la beffa finale che fa male agli amaranto, che non devono demordere anche se sarà dura concludere al quarto posto, perché la concorrenza è altissima. 

Ecco i top e flop dell'incontro:

TOP:

Andrea Paolucci (Virtus Entella): prestazione maiuscola del centrocampista dei levantini che detta i tempi di gioco alla grande. E perfino in fase difensiva ha contribuito ad un notevole numero di palloni. Per non parlare dell'assist, su calcio di punizione, per il goal del 2-1 di Belli, che ha fatto esplodere il Comunale. VOLETE UN GEOMETRA? CHIAMATE LUI.

Sala (Arezzo): dopo un primo tempo in cui rimane sulle sue, nella ripresa cresce notevolmente e mostra tutte le sue qualità fisiche: in fase propositiva risulta essere decisivo nel pallone messo al centro per la rete del pareggio di Brunori. Il terzino sinistro scuola Inter può ancora migliorare, ma la prestazione complessiva risulta essere positiva contro avversari molto pericolosi. MOTORINO

FLOP

Nessuno (Virtus Entella): vittoria doveva essere e vittoria è stata per i ragazzi di Boscaglia che vincono una partita fondamentale in ottica promozione diretta. Inizio accattivante della formazione di casa che pressa costantemente la manovra aretina, la quale non riesce a trovare sbocchi necessari per creare pericoli alla porta di Paroni. Ma ora c'è la partita che vale una stagione: a Piacenza per la Cadetteria! APPLAUSI

Cutolo (Arezzo): da un giocatore del suo livello ci saremmo aspettati una prestazione concreta. Ed è proprio la concretezza a mancare, specialmente nei metri finali, al numero dieci e capitano degli amaranto. Sbaglia parecchie volte l'ultimo passaggio e non riesce praticamente mai a rendersi pericoloso. Avrà sentito la partita, da buon ex? FANTASMA