FOCUS TC - Serie C, 14^ giornata: la Top 11 del Girone B

Modulo: 2-4-4
12.11.2019 06:30 di Sebastian Donzella Twitter:    Vedi letture
Andrea Ciofi (Cesena)
© foto di Francesco Di Leonforte/TuttoCesena.it
Andrea Ciofi (Cesena)

Nuovo cambio in testa nel Girone B dopo la 14^ giornata. Il Vicenza espugna il campo della Triestina per 3-0 mentre il Padova capitola tra le mura amiche contro un sorprendente Sudtirol, facendosi raggiungere al secondo posto proprio dagli altoatesini. Risale la china il Carpi, corsaro ad Arzignano, mentre resta in alto la Reggiana, nonostante il pari col Cesena. Accorcia le distanze la Feralpisalò, che vince in quel di Ravenna nel posticipo. Incredibile settimo posto per la Virtus Verona, capace di vincere anche in casa della Fermana. Bene anche Piacenza e Samb, vincenti nel finale rispettivamente su Gubbio e Rimini. In zona salvezza buon punto dell'Imolese contro la Vis Pesaro mentre il Modena, tra i fischi, supera in extremis il Fano allontanandosi dalla zona rossa. Di seguito la Top 11 della settimana secondo TuttoC.com:

PORTIERE

Federico Ravaglia (Gubbio): il Piacenza fa il tiro al bersaglio, lui si oppone sempre e comunque, con una serie di interventi prodigiosi. Due traverse aiutano il classe '99 che alla fine deve capitolare, incolpevole, a sei dal termine.

DIFENSORI

Davide Di Pasquale (Sambenedettese): dietro non sbaglia un colpo mentre davanti è tanto bravo quanto sfortunato: un gol annullato in maniera dubbia e un altro salvato in extremis da un avversario. Sarà per la prossima.

Andrea Ciofi (Cesena): un classe '99 con la tranquillità di un veterano. Il giovane bianconero non molla un colpo contro la Reggiana, riuscendo a bloccare un cliente scomodo, e velocissimo, come Kargo. Difesa blindata e zero gol sul groppone.

CENTROCAMPISTI

Daniel Onescu (Virtus Verona): nella vita di tutti i giorni fa il mediano di interdizione. Contro la Fermana si trasforma in goleador. Prima si conquista il rigore che permette a Danti di sbloccare il match. Poi di testa la mette nell'angolo giusto per chiudere il match.

Tommaso Morosini (Sudtirol): continua a collezionare prestazioni sublimi, anche quando non segna. Il bomber biancorosso, da ingranaggio perfetto, fa girare a meraviglia la macchina altoatesina.

Antonio Cinelli (Vicenza): giornata di grazia per l'esperto biancorosso che trova il gol 20 secondi dopo il fischio d'inizio. E realizza l'assist per Arma che, 19 minuti dopo, toglie ogni speranza alla Triestina.

Enej Jelenic (Carpi): una conclusione brillante e precisa, perfetta per superare la resistenza di un coriaceo Arzignano. Buona la prova dello sloveno, impreziosita dalla rete della vittoria.

ATTACCANTI

Alessio Di Massimo (Sambenedettese): entra e cambia il match. Lo spacca proprio, spezzando in due la difesa del Rimini. Prima segna un gol di testa, non proprio la specialità della casa. E poi serve a Frediani la palla che chiude il match. Il tutto in un quarto d'ora.

Daniele Paponi (Piacenza): è il capocannoniere del Girone B pur avendo saltato tre gare. Segna un gol ogni 83 minuti. Come quello che stende il Gubbio e lo riporta ad esultare dopo un mese.

Simone Mazzocchi (Sudtirol): sei gol in 14 partite, gli ultimi due di fila. Il classe '98 ha già superato il suo record tra i professionisti e ora punta alla doppia cifra. Intanto segna al Padova e regala il secondo posto ai suoi. 

Andrea Caracciolo (Feralpisalò): due gol nella prima mezz'ora, per espugnare Ravenna. L'Airone è in forma, al punto da essere l'unico doppiettista di giornata. E con lui prende quota anche il club gardesano.

ALLENATORE

Stefano Vecchi (Sudtirol): mattoncino dopo mattoncino gli altoatesini salgono al secondo posto. A un solo punto dalla vetta. Battendo a domicilio il Padova, fino a quel momento capolista. Il tutto con un gioco propositivo niente male.