La Sambenedettese va all’asta: base di partenza 400mila euro

13.05.2021 13:30 di Francesco Marra Cutrupi   Vedi letture
La Sambenedettese va all’asta: base di partenza 400mila euro
TMW/TuttoC.com
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com

I Curatori del Fallimento S.S. SAMBENEDETTESE S.R.L. in esercizio provvisorio dott. Franco Zazzetta, dott. Massimiliano Pulcini ed avv. Francesco Voltattorni hanno stabilito la vendita mediante procedura competitiva dell’azienda sportiva calcistica S.S. SAMBENEDETTESE S.R.L. per il giorno mercoledì 19 maggio 2021 presso lo Studio del Notaio Pietro Caserta in San Benedetto del Tronto.

La base d’asta è fissata al valore di stima di € 400.000,00 (euro quattrocentomila/00)
Verranno ceduti macchinari, attrezzature varie e sportive, macchine d’ufficio elettriche ed elettroniche, mobili ed arredi, oltre alla componente immateriale in cui sono anche compresi contratti aventi ad oggetto i diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori, comunque dei tesserati ed il settore giovanile. Sono compresi tutti gli altri rapporti contrattuali pendenti al momento del trasferimento dell’azienda, risultanti dalla documentazione o dalle scritture contabili ivi compresi i contratti in essere con i tesserati, quali allenatori, operatori sanitari ausiliari nonché con il personale dipendente e collaboratori non tesserati.
Saranno accettate le domande presentate entro le ore 11,00 del 19 maggio 2021 presso lo Studio del Notaio Pietro Caserta, in San Benedetto del Tronto, alla Via Palmiro Togliatti n. 19. Unitamente alla domanda ogni concorrente dovrà depositare, a titolo di cauzione, un assegno circolare non trasferibile intestato a “S.S. SAMBENEDETTESE S.R.L. in Fallimento” di importo pari al 25% (venticinque per cento) del prezzo offerto che, in ogni caso, non può essere inferiore al prezzo base d’asta.
In ipotesi di pluralità di offerenti, alle ore 12,00 dello stesso giorno 19 maggio 2021, presso lo studio del Notaio Caserta, verrà indetta tra gli stessi una gara con offerte in aumento. Ciascun rilancio non potrà essere inferiore ad € 20.000,00 (ventimila/00) partendo come base d’asta dalla più alta offerta ricevuta. L’azienda verrà aggiudicata al miglior offerente.

In caso che nessuno degli offerenti intenda partecipare alla gara, l’aggiudicazione avverrà in favore del miglior offerente ed, in caso di parità tra due o più offerte, in favore di colui che ha depositato prima la busta contenente l’offerta.
.
In ipotesi di unica offerta l’azienda verrà aggiudicata all’unico offerente.

L’aggiudicazione sarà seguita dalla stipula dei rogito notarile che dovrà essere sottoscritto entro il terzo giorno successivo alla data di aggiudicazione, escluso in ogni caso dal computo il giorno di domenica.
Tra l’aggiudicazione e la stipula dell’atto di cessione non saranno ammesse offerte in aumento.