Sudtirol, Voltan ricorda: "Lasciai il calcio. Poi mi son rimesso in gioco"

04.05.2021 21:30 di Sebastian Donzella Twitter:    Vedi letture
Sudtirol, Voltan ricorda: "Lasciai il calcio. Poi mi son rimesso in gioco"
TMW/TuttoC.com
© foto di Filippo Venezia/Fotolive

Davide Voltan, fantasista del dtirol, si è raccontato ai canali ufficiali altoatesini: "Sono arrivato qui a metà stagione con tanta, tanta voglia di mettermi al servizio della squadra. In una realtà che sta lavorando bene da anni, che sta sviluppando un progetto, che dispone di infrastrutture all’avanguardia come il centro sportivo e lo stadio in via di ultimazione. E’ una società giustamente ambiziosa che mi ha voluto fortemente e mi ha accolto in modo splendido e di questo sono molto felice. E’ un ambiente importante, dove c’è una grande cultura del lavoro e una preziosa cura dei dettagli, aspetti con di poco conto. Alla Reggiana sono arrivato ad inizio stagione, la scorsa stagione, ma non ho trovato molto spazio. Sono arrivato qui con tanta voglia di fare del mio meglio, di dare una mano ai compagni di squadra e alla società per fare bene. La nostra forza è il collettivo e la volontà di non mollare mai”.

Sul suo passaggio al Südtirol: “Giocando nella Reggiana ho trascorso molto tempo con Mazzocchi. Con lui ho avuto modo di parlare e seguire questa società nel corso del girone d’andata. Mangiavo regolarmente con Simone, quindi ho avuto modo di guardare il Südtirol insieme a lui diverse volte, seguendolo con attenzione. Ho visto quanto bene ha fatto nel girone d’andata e di questo sono molto felice perché arrivo in un ambiente con degli obiettivi importanti e trovo una realtà molto bene organizzata, proprio come mi era stata descritta”.

Sul passato: "Tanti momenti belli e anche un breve periodo difficile, dovuto ad un problema in famiglia. Ho lasciato il calcio per un breve periodo. Poi ho ripreso e mi sono rimesso in gioco, ancora più determinato di prima”.

Chiusura con gli hobby: “Lo sport mi piace in generale. Tra le mie passioni principali ci sono la pianola e il pianoforte, che suono e poi mi piace ascoltare musica”.