Top & Flop di Reggio Audace-Arzignano

17.02.2020 23:25 di Stefano Scarpetti   Vedi letture
Zamparo TOP Reggio Audace
© foto di Francesco Inzitari/ILoveGiana
Zamparo TOP Reggio Audace

Si è chiuso il posticipo della 26^ giornata girone B di terza serie, giocato al "Mapei stadium città del tricolore" fra Reggio Audace ed Arzignano Valchiampo: 3-1 il finale. Questo successo consente agli emiliani di riscattare la pesante sconfitta di Carpi domenica scorsa, tornando al secondo posto in graduatoria, portandosi a sole quattro lunghezze dalla capolista Vicenza. Vittoria tutt'altro che agevole comunque per la squadra di Alvini, che a tratti ha palesato qualche incertezza di troppo in difesa, soprattutto nella ripresa quando gli ospiti hanno mostrato maggior coraggio. In cronaca i padroni di casa confermano il classico 3-4-1-2, assenti gli squalificati Spanò e Varone rilevati da Espeche e Serrotti con Radrezza in mediana mentre in avanti Scappini e Zamparo. Sull'altra sponda Colombo si affida al 4-3-1-2 affidandosi alla coppia offensiva Kouko- Piccioni supportato da Sbaffo. Prima frazione su ritmi bassi, nella prima mezz'ora la Reggio Audace tiene il pallino del gioco non riuscendo ad essere incisivo nei sedici metri avversari. Si registrano infatti due conclusioni di Scappini che non inquadrano la porta di Tosi. Nell'ultimo quarto d'ora i padroni di casa perdono le misure espondendosi alle ripartenze venete, soprattutto con Piccioni. Nel finale arriva il vantaggio dei padroni di casa: discesa di Libutti sulla destra a cercare la sponda di Scappini per Zamparo, il quale sul secondo palo trova la stoccata vincente. La ripresa vede il pareggio dell'Arzignano all'11' con Balestrero abile ad approfittare di una indecisione fra Espeche e Venturi. Passano solo 60'' secondi e la Reggio Audace si riporta in vantaggio su rigore procurato da Zamparo, trasformato con grande freddezza dall'attaccante. Gli ospiti provano a reagire, attorno alla mezz'ora potrebbero pareggiare nuovamente: Rozzio  svirgola favorendo Piccioni il quale entra in area, da buona posizione non inquadra la porta. Poco dopo Kargbo fa meglio, sfruttando un clamoroso errore di Tazza, firmando il 3-1. Vediamo i migliori e i peggiori del confronto:

TOP

Zamparo (Reggio Audace): concretizza al meglio le occasioni a sua disposizione, siglando una doppietta che permette di conquistare una vittoria non semplice. Abile a procurarsi il rigore del vantaggio subito dopo il pareggio dell'Arzignano, oltre a questo fa un buon lavoro per la squadra mettendo la sua fisicità al servizio della squadra. DETERMINANTE

Sbaffo (Arzignano): con la sua qualità conferisce geometria alla manovra offensiva, entra nelle azioni più pericolosa dei veneti non disdegnando di dare il suo contributo anche in fase di non possesso.  VOLITIVO

FLOP

La difesa della Reggio Audace: la "scoppola" di domenica a Carpi sembra essere ancora nella testa di alcuni giocatori, la difesa a tratti appare incerta, la dimostrazione arriva in occasione del momentaneo pareggio dell'Arzignano, e in altre situazioni in cui vengono commessi errori individuali marchiani. INCERTA

Piccioni (Arzignano): non inizia male, cercando la profondità sfruttando gli spazi offerti dalla difesa avversaria. Quando però si tratta di finalizzare si mostra decisamente precipitoso e poco preciso, soprattutto nella ripresa non riesce a concretizzare favorevoli occasioni. SCIUPONE