Il fatto della settimana - Al Monterosi inizia "l'era Maury's". Con la benedizione di Berlusconi

16.10.2022 00:00 di Valeria Debbia Twitter:    vedi letture
Il fatto della settimana - Al Monterosi inizia "l'era Maury's". Con la benedizione di Berlusconi
TMW/TuttoC.com
© foto di www.imagephotoagency.it

"L’obiettivo è quello di replicare il modello imprenditoriale Maury’s anche se dobbiamo ancora imparare tanto di questo mondo". Con queste parole, pronunciate nella sede di Guidonia Montecelio da Mauro Fusano, proprietario del marchio Maury's che conta 98 punti vendita in quasi tutte le regioni italiane, è iniziata la nuova era Monterosi Tuscia. E' lui infatti a prendere il posto di Luciano Capponi che saluta dopo sette anni e con un palmares che recita una promozione dall'Eccellenza alla Serie D e quella più importante dalla D alla C, oltre ad un primo anno tra i professionisti caratterizzato dal raggiungimento del primo turno playoff. "Voglio provare a fare nel calcio quello che abbiamo fatto con Maury’s. In 35 anni siamo cresciuti moltissimo e voglio portare lo stesso modello anche a Monterosi. Vogliamo fare il meglio. La squadra c’è per fare buone cose. Quest’anno dobbiamo fare un bel campionato, sarà un anno di assestamento e per il prossimo anno abbiamo grandi progetti" ha continuato Fusano che ha anche confermato al momento lo staff, a partire dal direttore generale Fabrizio Lucchesi. Massimiliano Checchi sarà, invece, l'amministratore e socio della compagine. Amministratore delegato sarà, infine, Anthony Hernest Aliano. Fusano ha infine negato che il Monterosi Tuscia possa un domani trasferirsi a Roma, distante una cinquantina di chilometri, per diventare la terza squadra della capitale. Alla nuova proprietà sono arrivati anche gli auguri di Paolo Berlusconi, presidente onorario dell'AC Monza, che ha partecipato in prima persona alla conferenza stampa: "Queste sono avventure da pazzi, soprattutto al giorno oggi. Ma si vive anche di follia e di utopie. Il Monterosi è una cenerentola ma potete divertivi, dare soddisfazioni ai tifosi ed opportunità ai ragazzi, non solo quelli della prima squadra, e alle ragazze della femminile".