Ultimo giorno di mercato nel segno degli attaccanti: dalla certezza Eusepi alla scommessa Vukusic le 10 punte sbarcate ieri che possono cambiare gli equilibri

01.09.2021 00:20 di Tommaso Maschio   vedi letture
Ultimo giorno di mercato nel segno degli attaccanti: dalla certezza Eusepi alla scommessa Vukusic le 10 punte sbarcate ieri che possono cambiare gli equilibri
TMW/TuttoC.com

Il mercato ha ufficialmente chiuso i battenti, anche se ci sarà ancora spazio per qualche colpo pescando fra gli svincolati, dopo un’ultima giornata frenetica che ha visto molte squadre mettere a segno il grande colpo che può decidere la stagione. Ovvero quello legato all’attaccante, a colui che può spostare gli equilibri con i suoi gol e le sue giocate al servizio della squadra. Attaccante, che come spesso accade in Serie C, fa rima con esperienza e infatti i nomi grossi sbarcati – o che si sono mossi all’interno della terza serie – sono tutti giocatori che hanno diversi campionati alle spalle.

Questi sono i dieci colpi, relativi al solo attacco, più rilevanti dell’ultima giornata di contrattazione:

Fabio Ceravolo al Padova: Dopo le delusioni di Cremona e una lunghissima carriera passata nelle due serie superiori, <i>La Belva</i> ha deciso di ripartire dalla Serie C per riportare i biancoscudati in cadetteria e dimostrare di avere ancora qualche cartuccia da sparare nonostante le 34 primavere

Antonio Di Gaudio all’Avellino: Se c’è un giocatore che sa vincere i campionati è di certo lui. Carpi, Parma, Hellas Verona e infine Spezia possono testimoniare quanto fosse importante la sua presenza non solo in termini di gol e assist, ma anche di esperienza all’interno dello spogliatoio. Con gli irpini l’impresa sarà improba, ma forse anche per questo più bella da tentare.

Leonardo Gatto alla Pro Vercelli: Torna nel club piemontese per provare un nuovo rilancio e provare a riconquistare quella Serie B persa quando vestiva la maglia della Virtus Entella. Magari riportando le <i>Bianche Casacche</i> al piano superiore.

Ante Vukusic all’ACR Messina: Un passato prestigioso, anche in Serie A col Pescara, e un presente che ha regalato poche gioie e tanti cambi di casacca per il croato. Sbarca in Sicilia per mostrare che il calcio italiano lo ha bocciato troppo presto. Probabilmente la scommessa più intrigante di tutte.

Marcello Trotta alla Triestina: Solo pochi anni fa era in rampa di lancio dopo le 10 reti in Serie A con il Crotone in due stagioni, poi si è smarrito fra tanti, troppi cambi di maglia trovando continuità solo ad Ascoli nel 2020. Ora riparte dalla Serie C, per la prima volta, per rilanciarsi e recuperare il tempo perduto.

Simone Andrea Ganz al Lecco: Il figlio d’arte solo a Como è riuscito a mostrare tutto il suo valore. E dopo aver conquistato la seconda promozione con i lariani ha deciso di riprovarci ripartendo da poco lontano e da quel Lecco ambizioso che vuole recitare un ruolo di primo piano in questa stagione.

Luca Tremolada al Modena: Non un centravanti, ma un fantasista. E di grandissima qualità. È la ciliegina sulla torta del club di Rivetti che ha deciso di fare le cose in grande e punta senza mezzi termini al ritorno in B dopo aver costruito una vera e propria fuoriserie per la categoria. Se Tremolada riuscirà a trovare quella continuità che a volte gli è mancata i gialloblù potranno sognare in grande e divertirsi.

Eric Lanini alla Reggiana: a Imola e Novara ha mostrato di essere anche un grande goleador oltre che un giocatore di qualità. A Reggio Emilia sperano che possa ripetersi per contrastare al meglio i rivali modenesi e puntare al ritorno in Serie B. Duttilità ed esperienza, specie nella categoria, non gli mancano.

Reginaldo al Picerno: Il brasiliano dal grande passato -Fiorentina, Parma e Siena fra le altre – non ha ancora voglia di abdicare nonostante sia un classe ‘84. Accetta l’offerta del <i>piccolo</i> Picerno per provare a esaltare la piazza ripescata in Serie C e desiderosa di non abbandonarla troppo presto. E per centrare l’obiettivo in un girone tosto come il C i gol e l’esperienza del classe ‘84 potrebbero essere fondamentali.

Umberto Eusepi alla Juve Stabia: Altro top della categoria, che sa come si vince la terza serie e che garantisce sempre la doppia cifra e gol pesanti. Dopo il biennio ad Alessandria e la storica promozione dei Grigi in Serie B riparte da quel sud che aveva lasciato nel 2017 quando aveva salutato l’Avellino. Le <i>Vespe</i> si augurano che possa ripetersi ancora per andare all’assalto della B.