INTERVISTA TC - AlbinoLeffe, Nichetti: "Adesso non possiamo sbagliare"

30.11.2021 19:00 di Raffaella Bon   vedi letture
INTERVISTA TC - AlbinoLeffe, Nichetti: "Adesso non possiamo sbagliare"
© foto di Michele Maraviglia / U.C. AlbinoLeffe

Marco Nichetti, centrocampista dell'AlbinoLeffe, parla a TuttoC.com dopo la rocambolesca sconfitta per 3-2 contro il Piacenza: "È stata una partita combattuta. Siamo subito andati in vantaggio, poi sotto per due errori, rimontata e di nuovo sotto per una disattenzione che ci ha condannato alla sconfitta. In questo momento le cose non ci girano a favore, siamo noi a sbagliare. Abbiamo concesso delle reti fin troppo facili”.

Adesso la testa è alla Virtus Verona.

“Sarà un'altra gara combattuta. Chi sfrutterà gli episodi al meglio riuscirà a portare a casa il risultato”.

Virtus Verona che viene dalla vittoria in casa della Juventus Under 23.

“Saranno carichi e in fiducia, ma noi dobbiamo riprenderci. Siamo quasi obbligati a fare risultato”.

Spaventati dalla classifica?

“No, assolutamente. Vogliamo arrivare alla salvezza per poi puntare ai playoff, ci sono una serie di gare alla nostra portata dove dobbiamo fare risultato”.

Le avete affrontate entrambe: più forte il Padova o il Sudtirol?

“Il Sudtirol è più compatto, subisce pochissime reti. Il Padova, invece, ha più qualità nei singoli. Vedo favoriti gli altoatesini”.

Che rapporto ha con mister Marcolini?

“Abbiamo un bel rapporto, ha fatto una grande carriera da giocatore e ci dà sempre una mano”.

L'anno scorso avete fatto un pensiero alla promozione in B?

“Abbiamo avuto qualche alto e basso all'inizio, poi abbiamo preso fiducia e abbiamo iniziato a crederci. Man mano avevamo preso consapevolezza...”.

È cresciuto con questa maglia indosso. Cosa significa indossarla?

“Sono partito da piccolo e sono arrivato in prima squadra, qui ormai sono di casa ed è una bella soddisfazione”.

C'è un ricordo in particolare che la lega a questi colori?

“Ce ne sono tanti. Direi che uno dei più belli sia stato la vittoria col Modena ai playoff, quando ci davano per spacciati e ribaltammo il risultato al ritorno. È stato uno dei momenti più alti degli ultimi anni”.

Un pensiero sugli altri gironi?

“Sono tutti molto equilibrati e diversi per caratteristiche, son campionati difficile da giocare”.