INTERVISTA TC - DS Renate: "Terzo posto meritato, sia punto di partenza"

04.05.2021 11:00 di Raffaella Bon   Vedi letture
INTERVISTA TC - DS Renate: "Terzo posto meritato, sia punto di partenza"
TMW/TuttoC.com

Saranno playoff per il Renate, che ha chiuso il Girone A al terzo posto. TuttoC.com ha fatto il punto in casa nerazzurra con il direttore sportivo Antonio Obbedio, intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni:

Cosa vuol dire il terzo posto per il Renate?
"Potrei dire che è il risultato migliore della storia del Renate e tante altre cose, semplicemente credo che sia quello che ci siamo meritati dopo 38 partite, ma non può non essere un punto di partenza, se ci sentiamo arrivati allora sia io che staff e squadra non avremo capito nulla".

Che anno è stato a livello personale e di squadra?
"La stagione è ancora in corso, quindi il bilancio a livello personale e di squadra lo farò alla fine".

Un campionato con il Covid cosa ha significato?
"Stiamo vivendo un periodo storico incredibilmente complesso, nonostante le difficoltà non dobbiamo mai dimenticare che noi, e mi riferisco a chi vive nel mondo del calcio, siamo comunque privilegiati, quindi spero che sia esperienza per tutti per non rivivere quello che stiamo vivendo". 

Cosa le è piaciuto di più del suo Renate?
"La voglia di competere, il non accontentarsi e soprattutto la coesione tra società, staff tecnico ed giocatori".

Mister Diana fa gola in B?
"Diana è l'allenatore del Renate che vuole a tutti costi fare il meglio possibile e per lui come per tutti i calciatori l'unico obiettivo è proseguire la stagione con la stessa determinazione. Poi come sarebbe sempre giusto nella vita ognuno avrà quello che merita e credo che Aimo prima o poi arriverà ai massimi livelli".

Chi vorrebbe incontrare ai playoff?
"Tutto quello che non dipende da noi e che non possiamo decidere con il nostro impegno e la nostra dedizione non mi interessa, quindi quando sapremo i nostri avversari ci dedicheremo a loro."

Dove può arrivare questo Renate?
"Il mio sogno è finire la stagione avendo dato il massimo, senza rimpianti, così facendo qualunque risultato sarebbe ben accetto."

Tante toscane retrocedono tra cui la Lucchese, della quale è stato a lungo dirigente.
" Sulle toscane non saprei le motivazioni, molto probabilmente ogni piazza ha avuto i propri problemi. Lucca però fa parte di me, 3 anni vissuti in quel modo non li cancellerà mai nessuno, quindi sono certo che Lucca ed i lucchesi ancora una volta avranno la forza di rialzarsi senza mollare."