INTERVISTA TC - DS V. Francavilla: "Ogni punto sarà determinante per la salvezza"

19.02.2021 20:30 di Dario Lo Cascio Twitter:    Vedi letture
INTERVISTA TC - DS V. Francavilla: "Ogni punto sarà determinante per la salvezza"

La Virtus Francavilla è ormai da anni una realtà affermata nel Girone C di Serie C. La squadra, anche in questo torneo, nonostante abbia tanti giovani e giovanissimi in rosa, sta disputando un buon campionato. Abbiamo fatto il punto in casa biancazzurra con il direttore sportivo Mariano Fernandez

Mercoledì il pari a reti bianche con la Paganese, tra l'altro anche qui qualche episodio dubbio come a Catania.
"Sì, anche al "Massimino" c'era stato un errore plateale e contro la Paganese c'era un rigore su Pambianchi che l'arbitro ha detto di non aver visto. Chiaro che poi sono partite talmente equilibrate che basta un episodio per decidere. Quando ti viene a mancare quello che dovresti avere, rimani dispiaciuto, amareggiato. Parlando della gara comunque è stata combattuta. Abbiamo costruito situazioni importanti per andare in vantaggio, loro due occasioni per errori nostri. Dispiace non essere riusciti a vincere, sapevamo comunque che era complicata, contro una squadra in salute e ben messa in campo. Ogni partita e ogni punti da qui alla fine saranno determinanti". 

Vi attende a questo proposito il match di Potenza, una squadra che si è risollevata dopo il successo di Teramo.
"Incontreremo una squadra come noi a caccia di punti per la salvezza. La stiamo preparando bene da subito perché incontreremo una formazione che ha fatto molto bene nell'ultima gara. Ha qualità e giocatori importanti, sarà un'altra gara combattuta e difficile per entrambe. In questo momento dobbiamo essere anche bravi a portare gli episodi a favore nostro, come detto le gare sono ormai talmente equilibrate che non possiamo permetterci errori e invece bisogna sfruttare al massimo quello che creiamo. Ripeto: ogni punto può risultare determinante, ci vuole massima attenzione ed è necessario sfruttare quanto la squadra riesce a produrre". 

Vazquez, dopo il colpo al volto subito, ce la farà a recuperare? E le condizioni di Delvino?
"Federico Vazquez ha avuto un problema allo zigomo per una gomitata per la quale il calciatore della Paganese tra l'altro è stato solamente ammonito. Lo staff medico sta valutando la situazione. Delvino invece sta molto meglio". 

Come valuta fin qui l'impatto dei nuovi acquisti? In particolare Maiorino sembra essersi già inserito al meglio. 
"I vari Adorante e Ciccone hanno subito dato il loro contributo. Parlando di Pasquale Maiorino, è un giocatore di grandissima qualità, ci lavoravamo da un po' di tempo. Poi con l'uscita di Perez e grazie alla disponibilità del giocatore e del procuratore, siamo riusciti a chiudere il cerchio e portarlo a Francavilla. Per noi è stato un piace ingaggiare un giocatore del genere. Ora sta recuperando la migliore condizione ma contro la Paganese a esempio ha fatto già una grande partita. Siamo sicuri che di gara in gara farà sempre meglio". 

La squadra per diversi mesi ha avuto grande continuità di risultati, quello delle ultime settimane è un rallentamento fisiologico?
"In realtà non ce lo aspettavamo. Abbiamo avuto un inizio di torneo complicato per tantissimi fattori. Non dobbiamo ricordarci che quest'anno la squadra è ancora più giovane ma ha contemporaneamente grande qualità sia nei giovani che nei meno giovani. Eravamo sicuri che attraverso il lavoro che stiamo facendo le cose si sarebbero messe meglio. Nel calcio a volte si danno per scontati alcuni aspetti, ma c'è tanta dedizione in quello che facciamo da diversi anni, da tre campionati ormai. Si sta portando avanti una mentalità e questi ragazzi stanno crescendo sempre più, avendo margini di miglioramento e crescendo sicuramente ancora in queste prossime gare". 

Un commento sul futuro della Serie C, come lo vede? Considerando che quasi certamente per questa stagione sarà impossibile rivedere gente allo stadio, soprattutto per i club medio/piccoli come il vostro è un problema non da poco. 
"Giocare a calcio senza pubblico è triste, manca quella che è la cosa più importante: l'emozione e la passione che trasmesse la gente. Sicuramente per questa stagione non li rivedremo sugli spalti, speriamo che la situazione legata al virus migliori e che quanto prima si possa tornare sulla presenza del pubblico. In ottica Serie C questo ha comportato sicuramente grandi problemi, giornalieri e settimanali, che vanno gestiti. Dobbiamo adeguarci ed essere bravi noi dirigenti a risolvere le problematiche. E a fine stagione programmare nel modo migliore il futuro della Serie C".