INTERVISTA TC - Gozzano in C. Soda: "La svolta? I 18 risultati utili di fila"

14.06.2021 12:30 di Raffaella Bon   vedi letture
Antonio Soda
TMW/TuttoC.com
Antonio Soda

Solo un anno tra i dilettanti per il Gozzano che ieri ha strappato il biglietto per il ritorno in Serie C: ai cusiani è bastato il pari di Imperia per avere la certezza aritmetica della promozione. Mister Antonio Soda è quindi intervenuto ai microfoni di TuttoC.com per festeggiare il traguardo raggiunto: "L'anno scorso siamo stati bloccati a 11 partite dalla fine e la nostra è stata una retrocessione d'ufficio. Io sono rimasto ancora a Gozzano con l'intento di cercare di fare bene, ma non pensavamo di certo di potere vincere subito il campionato. E' difficile farlo subito dopo una retrocessione, per di più per come era maturata. Siamo partiti un po' male per alcuni problemi, ma poi abbiamo costruito piano piano qualcosa di importante. Siamo una squadra giovane, tanto è vero che siamo i primi nella classifica dei giovani. La nostra crescita ci ha permesso di arrivare fino in fondo, facendo qualcosa di eccezionale".

Ripercorrendo l'annata come è stata?
"E' stata difficile, io stesso ho avuto il Covid e sono rimasto fuori per un po'. E' stata una annata stressante per tutti. Ho dovuto sottopormi a due quarantene perché abbiamo avuto anche positivi tra i giocatori, ma abbiamo stretto i denti. Nel momento in cui ci siamo fermati, abbiamo costruito il nostro campionato: abbiamo avuto un po' di tempo per lavorare e da lì abbiamo fatto 18 risultati utili consecutivi, di cui 14 vittorie e 4 pareggi. Abbiamo lavorato come gruppo e questa è stata la nostra svolta".

Parlava di una squadra giovane: bravi voi a scovare questi talenti.
"Li abbiamo aspettati. Anche i vecchi hanno dato loro una mano. E' un gruppo fantastico, senza di loro non si sarebbe potuto realizzare il sogno. Abbiamo lavorato sodo, non ci siamo mai risparmiati. Ci siamo costruiti questo traguardo con l'aiuto della società che non ci ha mai fatto mancare niente. Ringrazio tutti per questo. Nessuno ci dava per vincitori, ma con sacrificio ce l'abbiamo fatta".

Il suo futuro?
"Ora non lo so. E' stata una annata tirata, vorrei prima di tutto riposarmi e poi vedremo cosa decide la società. Mancano ancora due partite: finiamo il campionato al meglio e poi si vedrà".