INTERVISTA TC - Grosseto, Magrini: "Fondamentale il legame col territorio"

04.05.2021 12:30 di Raffaella Bon   Vedi letture
INTERVISTA TC - Grosseto, Magrini: "Fondamentale il legame col territorio"
TMW/TuttoC.com
© foto di Prospero Scolpini/TuttoSalernitana.com

Una bella stagione per il Grosseto, che si giocherà i playoff. TuttoC.com ne ha parlato con mister Lamberto Magrini: "Onestamente ad inizio stagione avendo confermato il gruppo storico che viene dall'Eccellenza con sei sette elementi ed altri 4 dalla D c’erano dubbi non avendo fatto la categoria. Invece con il lavoro, perché io baso tutto su questo, che dà forza e sicurezza, le cose sono cambiate. Abbiamo iniziato il primo di agosto con tredici ragazzi vecchi e abbiamo impostato un lavoro importante, che si è visto nel rendimento costante e anche oltre ci ha permesso di stare fuori dalla zona di rischio, potendo quindi giocare senza ansia, come è capitato purtroppo alle altre toscane". 

Come ha detto, molti giocatori sono con voi dall'Eccellenza, una scommessa vinta.
"Sì, è risultata vincente. Molti ragazzi erano alla prima esperienza tra i professionisti. Ho sempre sostenuto che se un gruppo lavora con dedizione e serietà durante la settimana, qualcosa di buono emerge. I risultati si raccolgono. Questa è l'ennesima conferma che con un gruppo del genere i risultati arrivano".

C'è una bella chimica tra di voi.
"Il gruppo è molto coeso, inoltre prima di tutto quando devono scegliere guardo la disponibilità del calciatore. Abbiamo trovato ragazzi bravi e seri, un gruppo formato da esperti e nuovi, e si è fatto un buon campionato. Abbiamo lavorato bene con la società che ha determinati principi. Questo è molto importante per il mondo del calcio, altrimenti farei sicuramente altro".

La squadra ha conquistato un piazzamento importante.
"Sicuramente sì, hanno voglia di dimostrare che tengono alla maglia. Hanno affrontato tutte le gare con grande forza e dando il massimo, anche perché molti sono della zona. Non è facile trovare dodici ragazzi del posto e noi abbiamo questa fortuna. Il vice presidente Simone Ceri tiene molto al territorio e porta avanti questa filosofia che sta dando ottimi risultati". 

Ora vi aspetta il match con il Lecco.
"Penso sarà una bella gara. Noi vogliamo e dobbiamo vincere, giocheremo per portare a casa questo risultato. Loro potevamo ambire anche al primo posto e nella parte finale sono un po' venuti meno. Ha una rosa che poteva giocarsi la vittoria diretta. Sarà una gara difficile per noi ma anche per il Lecco". 

Un pensiero alle altre toscane?
"Da 25 anni alleno in Toscana, prima ci ho anche giocato e mi sento toscano in tutto e per tutto. Vedere club del genere retrocedere dispiace, solo il Livorno ha avuto qualche problema societario ma a gennaio si era rafforzato e dispiace vederlo così. L'Arezzo ha un'ottima società, quando nel calcio entrano persone con grandi disponibilità economiche, vederle retrocedere spiace. Non è facile trovare persone che investono da subito così tanto. L'anno scorso è fallito il Siena e ora ne sono retrocesse quattro, la Toscana era la regione più rappresentata insieme alla Lombardia ma ora sta perdendo tanto"