Lega Pro, Marani sulla riforma: "Siamo al punto di non ritorno"

30.11.2023 11:50 di Antonino Sergi   vedi letture
Lega Pro, Marani sulla riforma: "Siamo al punto di non ritorno"
TMW/TuttoC.com

Intervistato dal Corriere dello Sport, il presidente della Lega Pro Matteo Marani ha parlato così della riforma. "La categoria che ha lanciato Baggio, Riva, Zola e tanti altri ha il 2% della mutualità del sistema. La Bundes alle serie inferiori riversa il 20%, la Ligue1 il 19%, la Premier vende i diritti tv insieme alle categorie minori, in Spagna quelli commerciali sono in parte divisi. La riforma è questione di sostenibilità. Gravina ha convocato un’assemblea a marzo per togliere il diritto d’intesa se le componenti non si mettessero d’accordo. Siamo al punto di non ritorno".

Sulla sostenibilità di 60 squadre. "La riforma non è una questione algebrica, ma non si può pensare che l’unica a ridurre l’organico sia la C, che ha già fatto autoriforme. La A non vuole toccare nulla, la B parla di una retrocessione in meno. Casini dice che 60 sono troppe? Nel ‘21-22 il calcio ha avuto perdite per 1,3 miliardi e la C concorre per il 6,7%. Per quanto riguarda i debiti in A la media è 50,2 milioni, in B 13,4 e in C solo 1,9. Se togliamo 20 club non arriviamo al debito di uno solo della massima categoria".