Pellegrino: "Restiamo in attesa del Catania, non vedo alternative"

04.04.2020 12:00 di Marco Pieracci   Vedi letture
Maurizio Pellegrino
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Maurizio Pellegrino

Dalle colonne del Corriere dello Sport Maurizio Pellegrino, rappresentante del Comitato per l'acquisizione del Catania, commenta così la decisione del club etneo di rigettare la proposta presentata: "Ognuno ha il proprio stile e non voglio polemizzare in un momento in cui considero esaurito il mio compito, a fronte di una risposta, legittima, arrivata dal Catania. Legittima come legittima è stata la nostra proposta, frutto di valutazioni approfondite dei nostri consulenti, che non potevano non considerare i debiti enormi del club. Certo, si poteva fare di meglio sulla modalità dei pagamenti, a rate, ma questo è particolare che poteva e che può essere ancora ridiscusso. Non lo so, davvero se ci sono ancora dei margini. C’è una fase di riflessione e si potrebbe decidere di mollare tutto. Posso soltanto dire che la proposta iniziale doveva essere più sostanziosa, ma che alla luce del periodo emergenziale che il Paese sta vivendo si è deciso di abbassarla: niente incassi, niente abbonamenti, Torre del Grifo bloccato. Oggi si tratterebbe di un investimento a perdere, per chissà quanto tempo ancora. Non il massimo per gli imprenditori che stanno dietro al progetto e che hanno centinaia e in qualche caso migliaia di dipendenti da sostenere già. Con la situazione del Catania, non credo che ci sia molto tempo a disposizione. I rischi di veder sparire la matricola sono tanti e concreti. Diciamo che adesso il futuro non dipende più solo da noi, anche se mi sembra che di alternative a noi non è che ce ne siano. Restiamo in attesa, sperando che il club possa essere salvato. Se da noi meglio ancora. Posso garantire che il risultato sportivo diverrebbe la nostra priorità".