Pergocrema-Piacenza, pronostico tutt'altro che scontato

Le due squadre si ritrovano dopo quasi vent'anni
20.10.2011 16:15 di Valentino Bonetti   Vedi letture
© foto di Luigi Putignano/TuttoLegaPro.com
Pergocrema-Piacenza, pronostico tutt'altro che scontato

Non è un vero e proprio derby quello che si giocherà tra Pergocrema e Piacenza domenica alle ore 15 allo Stadio Voltini, vuoi perché i destini delle due squadre si sono incrociati di rado nel recente passato (l’ultima sfida risale alla stagione 1983/84 nel campionato di Serie C2 che vide il Piacenza promosso in C1 in virtù del secondo posto ad un solo punto dal Pavia) ma anche perché esiste un gemellaggio tra la tifoseria biancorossa e quella gialloblu a causa della comune “antipatia” per i colori grigiorossi della Cremonese. Le due squadre hanno raggiunto la Prima Divisione in seguito alla coda dei play out (perso dal Piacenza in serie B e vinto dal Pergocrema in Lega Pro) e si ritroveranno domenica in un Girone B che vede il Pergocrema meritatamente in vetta con 18 punti mentre il Piacenza galleggia in zona play out con la metà del bottino raccolto fino a questo momento dai gialloblu. Se la squadra di Brini ha un presidente ambizioso, Briganti, che ha fatto una campagna acquisti importante, il Piacenza Calcio S.p.A. è ormai in vendita da mesi senza che, per il momento, Fabrizio Garilli abbia trovato un acquirente realmente interessato, quindi se quello del Pergocrema ha tutte le carte in regola per essere definito un ciclo in fase di decollo, il futuro della società biancorossa è avvolto dalla più totale incertezza. Ciononostante la squadra guidata da Francesco Monaco si presenterà al Voltini forte dei 9 punti conquistati nelle ultime tre partite trovandosi al cospetto di un Pergocrema smanioso di riscattare la brutta prestazione offerta al Picco di La Spezia. Tra i biancorossi militano molti giocatori di spessore così come nella rosa del Pergocrema (i cosiddetti giocatori di “categoria superiore”) quindi ci sono tutti gli ingredienti perché domenica al Voltini, complice la consueta cornice di pubblico, vada in scena un bello spettacolo dal pronostico tutt’altro che scontato.