Lanini: "Affrontare la Juve emozionante, ma penso al Novara"

05.03.2021 14:30 di Giacomo Principato   Vedi letture
Lanini: "Affrontare la Juve emozionante, ma penso al Novara"
TMW/TuttoC.com
© foto di Sinisa Erakovic/Foto Olimpia

Eric Lanini, attaccante del Novara, ha rilasciato delle dichiarazioni a Il Fedelissimo parlando della sua esperienza con i colori azzurri: "Da gennaio in poi sono riuscito a mostrare quelle che sono le mie qualità e le mie caratteristiche. Rimango dell'idea che non ero scarso prima e non sono diventato forte adesso; nell'arco di una stagione ci sono tante variabili che portano un giocatore a poter far bene. Non voglio trovare alibi, ma sono arrivato qui dopo un periodo di inattività di 8-9 mesi. Da gennaio 2020 allo scorso ottobre, salvo due settimane a Parma, non mi sono praticamente mai allenato. Mi mancava il ritmo partita; i risultati che faticavano ad arrivare e l’incapacità di imporre il nostro gioco non mi hanno certo aiutato. Sono una persona ambiziosa e vedere che non riuscivo a dimostrare il mio valore e la scarsa fiducia che nutriva in me la società mi hanno turbato mentalmente. Rossetti? L’arrivo di Simone ha contribuito senz’altro alla mia rinascita. Siamo stati compagni di squadra in passato e il cambio di modulo che mi consente di svariare molto e di essere più imprevedibile, agendo intorno ad una punta di peso, ha esaltato le mie caratteristiche".

Per l'ex Imolese la sfida con la Juventus Under 23 avrà un sapore speciale: "Alla Juventus devo tutto, calcisticamente parlando. Ho indossato la maglia bianconera a 13 anni, togliendomi molte soddisfazioni. Ho vinto la classifica di miglior marcatore al Torneo di Viareggio, una Coppa Italia e una Supercoppa. Alla Juve sarò eternamente grato perché mi ha sempre dato fiducia, nonostante lo scorrere del tempo e alcune annate poco felici, rinnovandomi il contratto per anni e dimostrando sempre il loro interessamento e la vicinanza alla mia persona. Sarà emozionante affrontare la Juve, ma come all’andata metterò da parte i ricordi e penserò solo a fare gol e a far vincere la mia squadra".