Pro Vercelli, Scienza: "Rabbia e delusione, la partita era in cassaforte"

19.10.2021 10:10 di Marco Pieracci   vedi letture
Pro Vercelli, Scienza: "Rabbia e delusione, la partita era in cassaforte"
TMW/TuttoC.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com

Il tecnico della Pro Vercelli, Giuseppe Scienza, commenta così il pareggio nel posticipo col Renate: "Abbiamo fatto tatticamente la partita giusta, contro un avversario forte ed in grande fiducia. Tatticamente li abbiamo imbrigliati - riporta magicapro.it - abbiamo aggredito forte ed alto come nelle ultime partite non avevamo fatto, trovando anche il gol. La partita era in cassaforte, anche nel secondo tempo i pericoli li abbiamo creati tutti noi salvo per un calcio d’angolo che ha visto una grande parata di Tintori. Il campo lo tenevamo bene e ripartivamo con pericolosità: ancora una volta paghiamo a caro prezzo un minimo errore che facciamo, dobbiamo metterci in condizione di non sbagliare nulla. C’è rammarico ma bisogna rendersi conto che sono partite difficili, in altri momenti avremmo portato a casa la partita facilmente, oggi così non è stato: ho comunque visto una squadra viva, che ha voglia e con l’atteggiamento giusto. Ci è mancato un po’ di “senso del dramma”, il Renate sembrava aver finito le batterie e il gol li ha revitalizzati. La squadra ha fatto una grande partita. Peccato perchè perdiamo due difensori importanti per la prossima partita, indecifrabile a mio avviso la decisione del direttore di gara di espellere Auriletto, che a mio avviso non aveva neanche fatto fallo: è un’espulsione che danneggia in maniera pazzesca la squadra, ci troveremo nella prossima partita con una difesa schiantata e non ha senso. Ciò detto non abbiamo sicuramente pareggiato per colpa dell’arbitro, dovevamo fare meglio. C’è rabbia, delusione, senso di incompiutezza: questa sera ci meritavamo la vittoria".