Top & Flop di Monza-Giana Erminio

08.12.2019 20:15 di Valeria Debbia Twitter:    Vedi letture
Cosimo Chiricò, TOP Monza
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Cosimo Chiricò, TOP Monza

Termina 3-0 al 'Brianteo' il derby testacoda tra la capolista Monza e il fanalino di coda Giana Erminio, gara valida per la 18^ giornata del Girone A. Dopo un paio di occasioni griffate D'Errico, il match si sblocca all'11' grazie a un colpo di testa di Brighenti. Il raddoppio al 37' sull'asse Finotto-Chiricò, con quest'ultimo a depositare il pallone in fondo al sacco solo davanti a Marenco. Il tris potrebbe arrivare già nel primo tempo ma Armellino è poco preciso. Poi è Perna ad avere l'occasione di riaprire il match accorciando le distanze ma Fossati chiude prontamente. Nella ripresa è Finotto ad andare vicino in un paio di occasioni al 3-0, ma grazia a causa della sua imprecisione la Giana Erminio. Ma il tris arriva comunque al 72' ad opera del neoentrato Gliozzi (prima marcatura in campionato), bravo a finalizzare un contropiede. Meno bravo invece quando in extremis spara la palla in curva e si mangia così il poker. Il Monza è sempre più capolista con 13 punti di distacco sulle inseguitrici Renate-Pontedera, la Giana al contrario è sempre più fanalino di coda, ferma a quota 10. Ecco quindi top e flop dell'incontro:

TOP:

Andrea Brighenti/Cosimo Chiricò (Monza): premessa: oramai è pure difficile decidere a chi dare la palma di migliore in campo. Quarto successo di fila per i biancorossi, quattordicesimo stagionale, 45 punti, 3 reti segnate che portano il bottino totale a quota 35, zero subite, campioni d'inverno a due giornate dal termine del girone di andata. Numeri che certificano una promozione in B che potrebbe sfumare solo per un cataclisma. Oggi comunque premiamo i due marcatori che hanno chiuso la pratica derby già nel primo tempo. Pallone scodellato in mezzo da Chiricò, tenuto bene da Armellino e finalizzato da Brighenti, che va ad impattare di testa come un rapace tra vari rimpalli. L'ex Lecce, invece, dopo aver messo lo zampino nel primo gol, si ritrova tutto solo davanti a Marenco e capitalizza al meglio l'assist Finotto diventando il capocannoniere biancorosso (5 reti stagionali). L'intesa tra i due potrebbe svilupparsi al meglio anche un minuto prima del raddoppio con un assist in mezzo proprio di Chiricò per Brighenti che si gira e tira: palla di poco fuori alla sinistra di Marenco DA LUSTRARSI GLI OCCHI

Fabio Perna (Giana Erminio): il vicecapitano biancazzurro non si arrende. Nonostante la situazione è sotto gli occhi di tutti, lui tenta il tutto per tutto sia dando una mano in fase difensiva sia cercando quel gol che avrebbe potuto riaprire il match. Per sua sfortuna trova un Fossati che si immola ad evitargli la marcatura. Tenta anche una semi-rovesciata mettendo in mostra uno stile impeccabile, anche se poi la sfera finisce fuori alla sinistra di Lamanna LUCE NEL BUIO

FLOP:

I gol mancati da Mattia Finotto (Monza): non ce la sentiamo di bocciare in senso stretto l'attaccante biancorosso, ma purtroppo il suo rientro nel novero dei titolari non va come dovrebbe. Ok l'assist per Chiricò, ma quando è lui a dover cercarlo in prima persona il gol proprio non arriva per sua imprecisione. Prima Brighenti gliela allarga e lui trova solo l'esterno della rete, poi Armellino pennella un cross teso in area, ma ancora a lui da due passi non riesce la battuta a rete. Quindi gliela mette in mezzo Lepore e lui di nuovo da due passi davanti a Marenco sbaglia due volte in un minuto PIEDE DA RICALIBRARE

Le tre reti subite dalla Giana Erminio: i numeri dei biancazzurri sono quel che sono, la difesa è oramai la peggiore insieme all'Olbia con 34 reti subite, ma una certa quadratura la si era trovata tanto che tre reti in una sola gara non si subivano dallo scorso 29 settembre (mentre il poker era stato patito in due gare precedenti). Invece oggi la disfatta passa anche dal numero delle volte che la squadra di Albè ha dovuto raccogliere la palla in fondo al sacco. La squadra di Gorgonzola sta cercando di rimettersi in carreggiata ingaggiando già da ora alcuni svincolati (gli ultimi Bellazzini, che oggi ha debuttato, e Greselin, oggi al ritorno in biancazzurro e già con la maglia da titolare), ma se le cose non cambiano in fretta lo spettro dei dilettanti è dietro l'angolo 8 PUNTI DALLA SALVEZZA SONO TANTI!