Top & Flop di Carpi-Feralpisalò

27.01.2021 17:15 di Gianmarco Minossi   Vedi letture
D'Orazio, top Feralpi
TMW/TuttoC.com
D'Orazio, top Feralpi
© foto di Vincenzo Ranalli

La Feralpisalò conquista la sua seconda vittoria consecutiva, espugnando il Cabassi per 2-1 e infliggendo al Carpi la sua terza sconfitta di fila. Foschi, che deve fare a meno dello squalificato Gozzi (al suo posto Sabotic) cambia modulo, lasciando in panchina Mastour e lanciando subito nella mischia l'ultimo arrivato Llamas, che agisce come esterno sinistro; in attacco spazio all'ex Ferretti, che vince il ballottaggio con Giovannini al fianco dell'altro ex di turno De Cenco. Tre novità invece tra gli ospiti: Farabegoli viene preferito a Bacchetti al centro della difesa, così come Guidetti ad Hergheligiu come esterno di centrocampo, mentre nel tridente con Ceccarelli e Miracoli, D'Orazio vince una maglia da titolare a scapito di Guerra. Per la prima azione degna di nota bisogna aspettare un quarto d'ora e al primo vero affondo, la Feralpi colpisce: lo stesso D'Orazio trasforma in rete un bel fraseggio sulla destra tra Ceccarelli e Guidetti, siglando il suo quarto centro stagionale. Il Carpi sembra incapace di reagire, non riuscendo a rendersi mai pericoloso e rischiando anche di subire il raddoppio per via della traversa colpita da Scarsella, preludio alla rete che arriva pochi secondi dopo: protagonista lo stesso centrocampista ospite, che una volta entrato in area appoggia a D'Orazio, che con un preciso piattone infila un incolpevole Rossini. Apparentemente tramortiti, gli emiliani si risvegliano nel finale di frazione, grazie alla rete di Bellini che riporta in partita i ragazzi di Foschi.

Ad inizio ripresa il tecnico biancorosso opta per un cambio modulo, passando ad un 3-4-1-2 con l'ingresso di Mastour al posto di Fofana, ma la prima occasione è di marca ospite, con Rossini chiamato agli straordinari per smanacciare in corner una botta dalla distanza di Carraro. Nelle restanti battute della gara non si assiste ad occasioni degne di nota, dal momento che la Feralpi gestisce saggiamente il vantaggio senza lasciare grandi margini alle manovre offensive del Carpi, che chiude in dieci uomini per un doppio giallo rimediato da Marcellusi, espulso dopo poco più di cinque minuti dal suo ingresso in campo. Finisce con un prezioso successo in chiave play-off per la squadra di Pavanel, che aggancia in settima posizione quel Mantova che nel prossimo posticipo del lunedì sarà proprio avversario del Carpi, a cui l'attuale preoccupante classifica non consentirà più alcun passo falso.

Come di consueto, ecco i top & flop del match.

TOP 

Filippo Bellini (Carpi): ci pensa lui a riportare in partita la sua squadra nel momento più difficile, siglando il gol del 1-2 quando la seconda rete di D'Orazio sembrava aver inesorabilmente scritto in anticipo la parola fine al match. La sua prestazione è l'unico lampo di luce di un altro pomeriggio buio per gli emiliani. VOLENTEROSO

Ludovico D'Orazio (Feralpisalò): schierato un po' a sopresa al posto di Guerra, l'attaccante ripaga al meglio la scelta di Pavanel, siglando le due reti che sono risultate decisive ai fini di questa preziosa vittoria. Non sarà facile per il tecnico lasciarlo fuori nelle prossime partite, ma del resto con quella qualità che abbonda in attacco c'è solo l'imbarazzo della scelta. CINICO

FLOP

Il primo tempo del Carpi: escludendo il gol di Bellini, arrivato solo nel finale di frazione, la prima parte di gara ha visto la squadra di Foschi subire quasi inerme il possesso palla della Feralpi, non riuscendo a produrre alcuna occasione degna di nota. La rete siglata poco prima dell'intervallo ha dato leggermente più linfa agli emiliani, che comunque nella ripresa non sono riusciti ad incidere come avrebbero voluto. DA DIMENTICARE

Nessuno della Feralpisalò: escludendo il finale del primo tempo, dove un galvanizzato Carpi ha anche provato a cercare il 2-2 con la conclusione da fuori di Ghion, la squadra di Pavanel ha concesso poco nulla agli avversari, capitalizzando al meglio le occasioni create e andando vicino al gol in altre due circostanze, facendo del possesso palla la sua arma migliore. Un girone di ritorno che, dopo la vittoria di Arezzo, comincia decisamente sotto i migliori auspici. INCISIVI

RIVIVI QUI IL LIVE MATCH!