Top & Flop di Lucchese-Rimini

24.09.2022 20:15 di Stefano Scarpetti   vedi letture
Giorgio Tumbarello Top Lucches
TMW/TuttoC.com
Giorgio Tumbarello Top Lucches
© foto di Andrea Rosito

Si è conclusa la gara giocata questo pomeriggio al "Porta Elisa" tra Lucchese e Rimini valida per la 5^ giornata del girone B di terza serie: 2-1 il finale in favore della compagine toscana.  I rossoneri riscattano la bruciante sconfitta maturata domenica scorsa sul campo del Fiorenzuola, cogliendo la seconda vittoria in tre partite fra le mura amiche e lo fa attraverso una prestazione molto convincente, mettendo in mostra una buona organizzazione di gioco unita a pulizia nel palleggio, nonostante si giocasse su un terreno pesante per la copiosa pioggia caduta in maniera incessante sulla città toscana per tutti i 90 minuti. Molto deludente dall'altro canto la prestazione offerta dai biancorossi, che hanno sofferto eccessivamente il pressing portato dagli avversari non riuscendo mai a trovare spazi nella metà campo avversari. Gaburro ha dato una svolta nella ripresa passando al 3-5-2, i romagnoli hanno tenuto il pallino del gioco pur concludendo poco, trovando il gol su rigore Santini in maniera tardiva. In cronaca, nei padroni di casa Ivan Maraia deve fare a meno del portiere Coletta, Pirola e del centrocampista Franco. Maraia dovrebbe confermare il 4-4-2, inserendo Quirini sulla fascia destra con Visconti a sinistra mentre Benassai e Tiritiello centrali di centrocampo. Tumbarello e Bruzzaniti esterno, Mastalli e Di Quinzio a supporto di Tumbarello e Semprini. Sull'altra sponda Marco Gaburro deve fare a meno di Allievi e Panelli, nel 4-3-2-1 di partenza spazio a Gigli in mezzo alal difesa con Pietrangeli, Lavarone e Regini sulle corsie esterne. In mezzo al campo Pasa supportato da Rossetti e Del Carro mentre Sereni e Santini saranno a supporto di VanoEcco i migliori e i peggiori del match. L'avvio del Rimini, almeno nei primi dieci minuti è incoraggiante, i romagnoli sembrano avere personalità affacciandosi in avanti con convinzione, una "rondine però non fa primavera" perchè la Lucchese prende le misure repentinamente.  Al 20' la Lucchese sblocca il risultato sull'asse Bianchimano-Semprini palla intercettata da Gigli, ma il suo suggerimento pesca Mastalli che di prima intenzione trova l'inserimento di Bianchimano: il suo tiro dal limite non lascia scampo a Zaccagno. Continua a spingere la truppa di Maraia, vicina al raddoppio con la conclusione di Tumbarello a lato di poco. Ci prova anche su calcio piazzato la compagine toscana, Di Quinzio chiama in causa il portiere avversario. Al tramonto della prima frazione trova il raddoppio la squadra di casa, Mastalli prende palla finta di corpo ad un avversario e destro da oltre 25 metri imparabile. Nella ripresa il Rimini prova a cambiare l'andamento del confronto, Gaburro ricorre alla panchina passando dal 4-3-2-1 di partenza al 3-5-2. Tuttavia l'enorme mole di gioco si esaurisce in un tiro di Gabbianelli respinto d'istinto da Cucchietti, e nel rigore assegnato per fallo di mano di Romero nel recupero, troppo poco per sperare di portar via punti nella gara odierna.

TOP 

Giorgio Tumbarello (Lucchese): trovare il migliore nella compagine rossonera è particolarmente difficile oggi, è piaciuto molto Tiritiello al centro della difesa oltre a Mastalli autore di un gol e un assist. Decidiamo di premiare il numero 8 classe '96 per la continuità, una autentica diga in mezzo al campo, sempre pronto ad innescare la manovra offensiva e sbarrare la porta agli avversari. FONDAMENTALE

Nessuno nel Rimini: brutto la partita della compagine romagnola, sempre in balia degli avversari nella prima frazione. Nella seconda qualcosa di diverso si è visto, ma i biancorossi hanno palesato molta imprecisione e poca incisività nei sedici metri avversari. Passo indietro rispetto alle precedenti partite per la truppa di Gaburro. SCHIAFFO SALUTARE

FLOP

Nessuno nella Lucchese: tutti nei rossoneri rispondono presente, ogni calciatore impiegato ha messo il proprio mattoncino sulla vittoria conseguita dalla squadra di Maraia, nessuno quindi merita di finire in questa parte della nostra rubrica. SULLA STRADA GIUSTA

Il primo tempo del Rimini: il primo tempo dei biancorossi è terminato soltanto pochi minuti, i primi poi la squadra di Gaburro si è consegnata agli avversari andando meritatamente sotto di due reti. 45 minuti sul quale i romagnoli dovranno mediatare. IMPALPABILE