Top & Flop di Vicenza Virtus-Reggio Audace

20.10.2019 19:55 di Stefano Scarpetti   Vedi letture
Marotta TOP Vicenza Virtus
Marotta TOP Vicenza Virtus

si è chiuso il big-match della 10^ giornata  del girone B giocato al "Romeo Menti" fra Vicenza Virtus e Reggio Audace: 1-0 il punteggio finale a favore dei padroni di casa. Un successo che permette ai biancorossi di portarsi al secondo posto ad un punto dal Padova infliggendo agli emiliani la prima sconfitta stagionale. Laa gara come era lecito attendersi è stata vibrante, combattuta e ricca di capovolgimenti di fronte fra due squadre apparse decisamente in forma, la truppa di Di Carlo probabilmente ha messo più determinazione e si è fatta preferire a tratti mentre la squadra di Massimiliano Alvini se escludiamo i primi venti minuti ha faticato in area avversaria.  In cronaca partono bene gli ospiti  anche se è il Vicenza Virtus  a rendersi pericolosi al 13' con Saraniti su assist da sinistra di Giacomelli. Poi gli emiliani vanno vicini al vantaggio prima con un palo di Zanini e successivamente con Staiti innescato da un cross da destra di Libutti: il piatto destro a botta sicura viene respinto da Grandi. Cambia marcia la formazione veneta, al 27' Vandeputte ha mandato la palla di poco sopra la traversa, a stretto giro ci ha provato dalla lunga distanza Pontisso: il suo sinistro ha sorvolato la traversa di poco. A stretto giro di posta Marotta in percussione si è presentato davanti a Narduzzo, ma il portiere gli ha sbarrato la strada poi Giacomelli ha spedito a porta vuota sopra la traversa. Gara che si è sbloccata con un destro da oltre 35 di Bruscagin con palla alla sinistra di un incerto Narduzzo. La ripresa ha visto la Reggio Audace gettarsi in avanti non riuscendo però a farsi pericolosa nell'avversaria, ad esclusione di un colpo di testa di Kirwan addomesticato da Grandi nei pressi della linea di porta, i biancorossi hanno beneficiato degli spazi sfiorando il raddoppio con Rigoni e Guerra, granata in dieci nel finale per l'espulsione a Kargbo. Ecco i migliori e i peggiori del confronto

TOP

Marotta (Vicenza Virtus): ingaggia ripetuti duelli "rusticani" con i difensori avversari, nella parte centrale della prima frazione dialoga spesso con Giacomelli sul fronte sinistro dell'attacco, mettendo in difficoltà gli emiliani attraverso velocità e fisicità, ci vuole un grande intervento di Narduzzo per negargli la gioia del vantaggio. Nella ripresa è fondamentale il suo contributo in fase di non possesso, prende punizioni innescando i compagni sfruttando gli spazi offerti dagli avversari. SONTUOSO

Rozzio (Reggio Audace): a più riprese è il difensore a tenere a galla la formazione emiliana, che soprattutto nel primo tempo traballa pericolosamente sulle iniziative a campo aperto dei biancorossi. Abile a farsi trovare costantemente nel posto giusto, disinnescando pericolose azione della compagine veneta, in più offre il suo contributo alla fase offensiva della truppa di Alvini. BALUARDO

FLOP

Nessuno nella Virtus Vicenza: prestazione davvero di sostanza quella della squadra biancorossa, determinazione e concentrazione dal 1' al 93' ha contraddistinto la gara della squadra di Di Carlo, che quindi ha riscattato il finale di Piacenza dove si era fatta rimontare il vantaggio perdendo una partita incredibile. tutti rispondono presente dimostrando voglia e grande solidità facendo sognare il pubblico del "Romeo Menti". CONVINTI

Kargbo (Reggio Audace): meno brillante rispetto alla gara di sette giorni fa, spesso scontra con il muro della retroguardia avversaria. Ha il merito di provarci fino alla fine, anche se appare fin da subito avere le polveri bagnate. Brutto il fallo che genera la sua espulsione, un intervento da dietro con palla irraggiungibile. PRECIPITOSO