Top & Flop di Avellino-Bari

10.04.2021 20:05 di Emmanuele Sorrentino   Vedi letture
Top & Flop di Avellino-Bari
TMW/TuttoC.com
© foto di Carlo Giacomazza/CGP Photo Agency

I lupi blindano il secondo posto superando di misura il Bari nell'anticipo della trentacinquesima giornata di Serie C girone C: a decidere l'incontro una zampata vincente di Fella sugli sviluppi di un corner di Aloi. Il successo consente ai campani di portarsi a +7 sui biancorossi, rendendo quasi impossibile un assalto alla seconda piazza del raggruppamento quando mancano ormai 270 minuti al termine della stagione.

Avvio di match avaro di emozioni, le due formazioni si studiano e concedono poco o nulla ai rispettivi avversari. Al 21' si scaldano gli animi per un colpo al volto di Ciancio su Marras a palla lontana, per D'Ascanio è solo cartellino giallo. Seguiranno due ammonizioni nel giro di due minuti, prima con Carriero che interviene in maniera dura su Perrotta, poi Maita per un braccio largo su Carriero. Al 27' rasoiata di Bernardotto ampiamente a lato, mentre al 32' un bolide di Carriero dalla distanza termina altissimo. Risponde De Risio un minuto dopo con un tiro debole dal limite, blocca a terra Forte. Al 38' altra botta dalla distanza di Carriero, ancora una volta imprecisa. Dopo un minuto di recupero, l'arbitro D'Ascanio manda le squadre negli spogliatoi. Al Partenio il risultato non si sblocca.

Seconda frazione di gioco più vivace: al 48' Dossena scalda i guanti di Frattali con un destro al volo sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Tito. Sul capovolgimento di fronte, il Bari spreca una pericolosa ripartenza con Marras, che nell'occasione innesca una scaramuccia che vede anche Dossena protagonista, entrambi ammoniti dal direttore di gara marchigiano. I galletti si fanno timidamente vedere solo con un destro a giro di Antenucci al 58', deviato in corner. Al 60' Braglia azzecca la mossa che darà la svolta alla partita, richiamando in panca Bernardotto ed inserendo un più intraprendente Fella. L'ex Monopoli si fa vedere con insistenza in attacco con alcune rapide giocate che mettono in difficoltà i galletti, i quali forse hanno la più ghiotta occasione del match al 62' con Rolando, innescato in contropiede da Marras, ma il suo destro di prima intenzione viene neutralizzato in due tempi da Forte. Il tecnico dei campani è costretto a correre ai ripari per un grave infortunio occorso a Luigi Silvestri, costretto ad uscire in barella: dentro subito Rocchi. Una punizione di Tito al 69' terminata alta è il preludio alla rete che deciderà l'incontro, che arriverà solamente all'84': corner di Aloi sul primo palo e zampata vincente del subentrato Fella che anticipa Perrotta e batte Frattali. Il forcing finale del Bari è troppo impacciato ed estremamente prevedibile: dopo cinque minuti di recupero e la bellezza di cinque corner consecutivi per gli ospiti, ai lupi rimane la gioia del successo importantissimo sul Bari che li proietta a +7 sui galletti e consente ai biancoverdi di chiudere in serenità il campionato per proiettarsi sui prossimi playoff, alla ricerca della promozione in Serie B. Ottava battuta d'arresto per la formazione di Carrera che per ora non rischia tanto, considerato che il Catanzaro giocherà solamente mercoledì 21 il match con la Juve Stabia in programma domani, ma un successo delle Aquile potrebbe relegare i biancorossi persino al quarto posto, un risultato inimmaginabile ad inizio stagione.

L'Avellino nel prossimo turno di campionato sarà ospite della Vibonese nell'anticipo della trentaseiesima giornata, in programma sabato 17 alle ore 17.30, senza tuttavia l'apporto di Carriero e Tito che hanno rimediato il giallo oggi e, in quanto diffidati, saranno costretti a saltare il prossimo match di campionato; il Bari invece proverà a riscattarsi al San Nicola domenica 18, ricevendo la visita del Palermo alle ore 15.00

Ecco i Top & Flop del match:

TOP

Giuseppe Fella e Giuseppe Carriero (Avellino): ingresso in campo che stravolge tutti i piani dei pugliesi, i suoi rapidi inserimenti sono un grattacapo continuo per la retroguardia biancorossa. Micidiale a deviare in rete un corner sul primo palo di Aloi, anticipando nel contempo Perrotta e regalando tre punti preziosi ai lupi in chiave secondo posto. Il centrocampista invece è un vero leone: fa a sportellate con gli avversari ma ne esce sempre vincitore. Si incunea in qualsiasi varco lasciato aperto dalla formazione di Carrera: manca solamente la rete per suggellare una prestazione da otto in pagella. STRAORDINARI

Manuel Marras (Bari): scatta in velocità e crea qualche pericolo alla retroguardia irpina, ma spreca anche tanto come in occasione del primo contropiede della ripresa che avrebbe potuto mettere in difficoltà i padroni di casa. Serve un pallone prezioso a Rolando che spreca in maniera colossale. FULMINE

FLOP

Nessuno per l'Avellino: vero è che i galletti non impegnano più di tanto i campani, ma la formazione di Braglia merita di stare al secondo posto e di ricevere la palma di vice regina del girone C. Una cavalcata iniziata proprio dopo il ko nel match di andata con il Bari, condita da quattordici risultati utili consecutivi e culminata con il successo di questo pomeriggio. Ora sotto a chi tocca negli spareggi promozione. IMMENSI

Mirco Antenucci (Bari): l'uomo di esperienza a disposizione della formazione di Carrera non si è assolutamente fatto vedere, spesso disperso tra le maglie della difesa biancoverde che lo accerchia e non gli lascia scampo. Insidioso il suo destro a giro dal limite con tanto di deviazione in corner, ma di certo non il miglior biglietto da visita per un calciatore che ha fatto tanto in carriera. Ora l'attenzione è rivolta agli avversari che potrebbero persino soffiare il terzo posto e rendere ancor più negativa una stagione che vedeva i galletti ai nastri di partenza come la vera anti-Ternana. Peccato! IMPALPABILE

RIVIVI LE EMOZIONI DEL BIG MATCH DEL PARTENIO!