IL FATTO DELLA SETTIMANA - FUTURO CATANIA: EPPUR SI MUOVE!

04.01.2020 00:00 di Valeria Debbia Twitter:    Vedi letture
© foto di Giuseppe Scialla
IL FATTO DELLA SETTIMANA - FUTURO CATANIA: EPPUR SI MUOVE!

"Follieri è stato l'unico interessamento ufficiale. Nuova cordata di imprenditori? Non so di cosa parla". Così nei giorni scorsi Nino Pulvirenti, patron del Catania ai colleghi de La Sicilia sulla cessione societaria del club etneo. Una dichiarazione 'superata' dagli eventi delle ore successive, visti gli sviluppi fino alla costituzione nella giornata di venerdì, con atto notarile, del "Comitato promotore per l'acquisizione del Catania Calcio", gestito dal presidente Fabio Pagliara, dal vice presidente Antonio Paladino, dal segretario Maurizio Pellegrino e dal tesoriere Girolamo Di Fazio.

Nel mezzo indiscrezioni giornalistiche - rilanciate sempre dal quotidiano locale - che volevano AON, multinazionale del settore assicurativo, e ItalPizza. società produttrice di pizza surgelata pronte a farsi avanti. Entrambe, in due diverse note ufficiali, hanno smentito di essere coinvolti nelle trattative per rilevare il Catania, sottolineando - ItalPizza nello specifico - "che tale informazione è priva di qualsivoglia fondamento e di non essere interessata a tale operazione". 

Torniamo quindi al Comitato promotore per l'acquisizione del club etneo che in una nota ha spiegato la sua ragion d'essere: "L'obiettivo primario del comitato – hanno spiegato gli stessi Pagliara e Pellegrino – è il bene del calcio catanese e del suo indotto, ma anche la salvaguardia della matricola a cui tutti gli sportivi catanesi sono legati. Anche per questo motivo chiediamo assoluta riservatezza per garantire il rispetto delle parti in causa e di tutti i soggetti coinvolti. Il primo passo del comitato sarà quello di inviare a Finaria la pec con la manifestazione di interesse. Smentendo categoricamente tutti i nomi di illustri personaggi del mondo dello sport, di aziende e imprenditori accostati nelle ultime ore dagli organi di stampa al progetto del comitato, vogliamo precisare come, nel momento in cui ci saranno delle concrete novità in merito, saranno prontamente comunicate ai media e ai numerosi e appassionati tifosi del Calcio Catania”.

Intanto Pagliara è intervenuto ai microfoni di "Pianeta Catania" in onda su su Radio Amore Dance e ha fatto il punto della situazione: "Se non ci sono imprenditori che da soli possono acquistare il Catania, la strada giusta è quella dell'azionariato diffuso. La parte tecnico-calcistica verrà sviluppata da Maurizio Pellegrino, poi i commercialisti nelle prossime 48 ore avanzeranno le credenziali bancarie alla società e mostreranno la proposta (secondo quanto riportato dalla Tgr Sicilia, sul piatto potrebbe essere messa un'offerta da circa 30 milioni di euro, ndr)". E sui tempi ha aggiunto: "E' una corsa contro il tempo, nel giro di una settimana capiremo la disponibilità del Catania e come pagare e superare i debiti. Avere una diligence di tutto rispetto dà credibilità a tutta l'operazione".

All'interno della trasmissione anche l'intervento dell'assessore Parisi: "La posizione dell'amministrazione? Siamo stati contattati, ho parlato più volte con chi rappresenta questa cordata. Noi abbiamo dato disponibilità ma non siamo entrati nel merito nei numeri. So che l'offerta sarà proposta tra oggi (venerdì, ndr) e domani (sabato, ndr). Poi valuteremo la bontà del progetto. Personaggi locali? Sicuramente sono nomi importanti che sposo in pieno. Maurizio Pellegrino? Secondo me è la figura perfetta, è stato un grande giocatore ed allenatore del Catania". E sul primo nome accostato al club etneo taglia corto: "Non so se Follieri sia uscito di scena o meno".

Come si suol dire: chi vivrà, vedrà...