IL PROTAGONISTA DELLA SETTIMANA - DA MORACE A DE SIMONE: A TRAPANI SI VOLTA PAGINA

24.03.2019 00:00 di Marco Pieracci   Vedi letture
IL PROTAGONISTA DELLA SETTIMANA - DA MORACE A DE SIMONE: A TRAPANI SI VOLTA PAGINA

Quella relativa alla cessione societaria del Trapani è stata una lunga telenovela che ci ha tenuto compagnia per diversi mesi fino a poche settimane fa. L'estenuante trattativa con l'imprenditore romano Heller saltata ed il sorpasso in extremis da parte del gruppo FM Service, facente capo a Maurizio De Simoneche ha segnato la fine dei 14 anni della gestione Morace. L'ultimo passaggio formale si è avuto mercoledì 20 marzo. Durante l'assemblea dei soci, l'amministratore unico uscente, Paola Iracani, ha rassegnato le proprie dimissioni ed è stato ufficializzato il nuovo organo amministrativo del club siciliano composto da Francesco Paolo Baglio, Maurizio De Simone e Adolfo Terranova. La carica di presidente del CdA è stata conferita a Baglio mentre De Simone ha assunto quella di amministratore delegato, coi più ampi poteri in relazione alla gestione ordinaria della società.

"Ricoprirò io questo incarico - ha detto De Simone nella conferenza stampa di presentazione - perchè in questo momento la proprietà ritiene che sia meglio puntare sull'esperienza gestionale e amministrativa del sottoscritto e per questo la ringrazio. Abbiamo iniziato bene con una bella vittoria sulla Casertana mentre purtroppo è andata male domenica sul campo trappola di Brindisi. L'ultima è stata una settimana travagliata, non dal punto di vista sportivo, ma gestionale perchè si sono rincorse voci in prossimità delle scadenze che abbiamo rispettato. Vorrei rassicurare l'ambiente: la nuova proprietà ha tutta l'intenzione di continuare questo cammino che finora è stato eccezionale e cullare un sogno che resta tale. Non deve passare il messaggio che il Trapani deve vincere a tutti i costi. Se ci riusciamo sarà un obiettivo straordinario ma comunque non previsto".

Ed in effetti ad inizio stagione nessuno, neppure il più inguaribile ottimista, avrebbe ipotizzato un Trapani in piena corsa per la promozione nel momento decisivo del campionato. Merito ovviamente dei giocatori ma anche dello straordinario lavoro svolto dalla parte tecnica: dal lavoro dietro la scrivania del Ds Rubino a quello sul campo del tecnico Italiano. Come accade spesso quando si assiste a dei passaggi societari la soglia di concentrazione tende ad abbassarsi. E' così che può spiegarsi forse la figuraccia con la Virtus Francavilla, proprio nel giorno in cui la Juve Stabia perdeva la propria imbattibilità. A maggior ragione se come ha detto lo stesso De Simone si rincorrono voci sulla solvibilità di essa, prontamente fugate dal nuovo Ad, sul quale tuttavia anche la Lega Pro ha avanzato pubblicamente dei dubbi diramando un comunicato in prossimità della cessione. Del resto le precedenti esperienze con Avellino e Matera non si sono concluse in maniera brillante. Ed è legittimo, dopo quello a cui abbiamo assistito quest'anno, tenere le antenne ben dritte.