IL PROTAGONISTA DELLA SETTIMANA - SOTTIL 2.0, IL CATANIA SOGNA UN LIVORNO BIS

12.05.2019 00:00 di Marco Pieracci   Vedi letture
Andrea Sottil
© foto di Federico Gaetano
Andrea Sottil

Qualcuno l'ha definita la mossa della disperazione, altri pensano che fosse la soluzione più logica. Martedì a Catania si è consumato il terzo cambio di allenatore. Lo scialbo pareggio interno contro il Rieti, nell’ultimo turno di campionato, ha rappresentato il capolinea dell’esperienza sulla panchina degli etnei di Walter Novellino. Poco importa se, al netto della goleada del Catanzaro sul Trapani, ai siciliani non sarebbe servito nemmeno un successo per garantirsi il terzo posto, con tutti i vantaggi annessi. Evidentemente, la società aveva maturato questa decisione già da tempo per dare una scossa nel tentativo di risollevare una stagione deludente. 

Eppure, l’impatto iniziale di Novellino era stato importante: le due vittorie negli scontri diretti con Catanzaro e Juve Stabia (unica sconfitta delle Vespe in campionato) avevano creato false illusioni e invece la formazione rossazzurra è ripiombata in una fase involutiva, perdendo tre delle successive quattro sfide e palesando tutti quei limiti caratteriali dimostrati nella prima parte del torneo, con Sottil in panchina. Sarà proprio l'ex tecnico del Livorno a gestire una situazione decisamente delicata, che presenta non poche analogie con quella vissuta lo scorso anno in Toscana quando il patron Spinelli decise di richiamarlo alla vigilia della sfida crocevia con il Pisa. Gli amaranto vinsero quel derby e da quel 2-0 contro gli acerrimi rivali trovarono la spinta decisiva per conquistare la promozione diretta in Serie B. 

Stavolta il compito di Sottil sarà ancora più arduo perché per raggiungere lo stesso traguardo non saranno sufficienti quattro partite, ma ce ne vorranno almeno sette. E poi perché, è vero che i playoff permettono di resettare tutto, ma è vero anche che il margine di errore è pari o uguale o zero. Nelle sue capacità gestionali confida comunque il presidente Davide Franco che ha commentato così l'avvicendamento alla guida tecnica: “Questo Catania ha un potenziale tecnico di notevole caratura – ha dichiarato in settimana - non lo dico solo io ma i super esperti del calcio, mi auguro che lo dimostri proprio in questi playoff. La squadra darà la giusta risposta, lo sento dentro di me. Ogni singolo giocatore dovrà tirare fuori l’orgoglio. Stringiamoci attorno alla squadra come Catania sa fare, l’unione fa la forza. Novellino? Non lo critico. A me comunque Sottil è sempre piaciuto perchè sanguigno, preparato, si prodiga per caricare i giocatori al massimo e mi risulta che in questi giorni si stanno impegnando tantissimo”.