INTERVISTA TC - Capuano: "Troppi fallimenti. FIGC intervenga a muso duro"

21.03.2019 12:40 di Claudia Marrone Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
INTERVISTA TC - Capuano: "Troppi fallimenti. FIGC intervenga a muso duro"

Ha chiuso la sua carriera da calciatore alla Lucchese, e ora sta osservando quelle che sono le sorti della Pantera. Ai microfoni di TuttoC.com, l'ex difensore Ciro Capuano ha fatto un generale punto della situazione che si vive in Serie C.

Non si finisce mai di imparare: non sono bastati i fallimenti della passata stagione, la storia si ripete.
"Non è solo un discorso legato alla scorsa stagione, nel girone degli anni dal professionismo sono davvero sparite troppe squadre, potremmo citarne tantissime, e purtroppo la storia si ripresenta puntuale. E sia chiaro, non è questo il calcio che vogliamo, non è questo il calcio che vuole la gente: possibile che nessuno si renda conto che la sempre minor affluenza sugli spalti è legata anche a questo?".

Come si deve intervenire?
"Quelle attuali sono le ennesime situazioni che si creano in Italia, e che fanno male al calcio. La FIGC deve intervenire a muso duro, deve dare i presupposti diversi per il futuro, anche per tutela di quei giovani e di tutti i calciatori e dipendenti dei club, che con quello stipendio mandano avanti la famiglia. Io non so certi personaggi che si avvicinano al calcio a cosa ambiscano, ma si deve smettere di creare anomalie".

Tra questi club c'è la Lucchese: arriverà a maggio la pantera?
"Si deve intanto vedere chi e come pagherà, ci sono troppe incognite, e anche cose essenziali da sbrigare, come luce e acqua calda: è mai possibile vedere che dei professionisti debbano allenarsi in un posto e fare la doccia altrove? Nemmeno nei dilettanti. Ed è un'onta che si sta portando dietro anche una città bella e importante come Lucca, salvata comunque dallo spirito di un gruppo eccellente che sta tenendo vivo il campionato. Un campionato che è per altro sopra la media, ma non si può lavorare in certe condizioni".