INTERVISTA TC - Cavasin: "Il "Barbera" al ritorno può essere un fattore"

04.06.2022 07:30 di Raffaella Bon   vedi letture
INTERVISTA TC - Cavasin: "Il "Barbera" al ritorno può essere un fattore"
TMW/TuttoC.com
© foto di Federico De Luca

L'allenatore Alberto Cavasin è intervenuto in esclusiva ai microfoni di TuttoC.com per un commento prima della finale playoff tra Padova e Palermo: 

"Una finale di qualità, con due squadre con giocatori di categoria superiore. Mi aspetto una sostanza di gioco buona, sarà una finale bella da vedere sotto l'aspetto tecnico. La platea è importante per tutte e due le società, di prim'ordine, forse mai come negli ultimi anni. Sono club blasonate, seguite, c'è il pubblico, lo stadio, tutto".

A livello mentale cosa può influire?
"Giocheranno calciatori di valore, abituati a stare in alto e a provare a vincere il campionato. Non ci saranno grandi problemi da questo punto di vista, la prestazione ci sarà da parte di tutti".

E il fattore stanchezza invece?
"Magari la seconda partita più che la prima potrà vedere un po' di stanchezza. A questo punto nelle gare però si riesce a tirare fuori qualcosa anche quando sulla carta non la si ha. Il clima può incidere, ma più sulla seconda".

Ritorno nel quale ci sarà anche il fattore "Barbera".
"Chiaro che qualche giocatore, nonostante sia di categoria, non è propriamente abituato a giocare davanti oltre 30mila spettatori. Ha un grande impatto, soprattutto per gli ospiti. Può essere determinante, perché le due squadre si equivalgono, ma la seconda partita può vedere il pubblico spingere il Palermo".

Si aspettava l'addio di Pelliccioni al Catanzaro per tornare a Monopoli?
"Sicuramente ha fatto una valutazione globale della sua storia, di quello che può aver fatto e può fare in quella piazza. Certo Catanzaro è una piazza che gratifica. Una scelta personale che va al di là della categoria".

Il futuro di mister Cavasin?
"La Sardegna, che mi ha dato belle soddisfazioni quest'anno. Si sta programmando un'altra stagione ai vertici del campionato che andremo a fare, poi si vedrà".