INTERVISTA TC - DS Cesena: "L'AIC ha il diritto di protestare"

04.09.2020 20:15 di Raffaella Bon   Vedi letture
© foto di Federico De Luca
INTERVISTA TC - DS Cesena: "L'AIC ha il diritto di protestare"

Moreno Zebi, Direttore Sportivo del Cesena, è stato raggiunto dai microfoni di TuttoC.com per un'intervista esclusiva, nella quale ha avuto modo di trattare gli argomenti più "caldi" del momento.

Cosa pensa dello stato di agitazione proclamato dall'AIC?
"L'associazione di categoria si sente sfavorita dai nuovi regolamenti e farà la sua protesta, io la vivrò da spettatore e vedremo cosa accadrà: in una nazione democratica come la nostra, c'è il diritto di protestare se qualcosa non funziona come dovrebbe. Immagino che la norma sia stata fatta per contenere i costi e gestire le cose in modo diverso, anche se la lista cambia il modo di lavorare: non sempre agevola"

Ghirelli lo ha definito un "atto irresponsabile", qual è la sua idea?
"L'obiettivo di questa norma è chiaro e per certi versi condivisibile in un momento complicato come questo. Il contenimento dei costi va di pari passo con le possibilità di ogni singola società, chi deve spendere meno spenderà meno. Nell'approcio al lavoro, qualcosa cambia"

Sulla lista dei ventidue giocatori, invece, che idea si è fatto?
"Impone una serie di valutazioni, inevitabilmente costringe gli operatori a fare scelte anche abbastanza drastiche. Spesso i miei colleghi e le società sono costretti ad attuare scelte difficili anche con giocatori del 2000"

Capitolo Cesena: che mercato sarà?
"Il nostro sarà un mercato equilibrato, in linea con la politica dell'azienda: sceglieremo giocatori giusti per il nostro progetto in una sorta di mercato di opportunità. Sarà una sorta di mix tra giovani calciatori importanti e altri più esperti da utilizzare come "spinta" per coloro che si affacciano per le prime volte in questo mondo".