INTERVISTA TC - Ds Latina: "Di Donato ottimo allenatore ma ci voleva una scossa"

09.02.2024 18:00 di Raffaella Bon   vedi letture
INTERVISTA TC - Ds Latina: "Di Donato ottimo allenatore ma ci voleva una scossa"
TMW/TuttoC.com

Il Latina riparte dopo due anni e mezzo con Daniele Di Donato in panchina. I nerazzurri hanno scelto Gaetano Fontana, arrivato nel capoluogo pontino in piena sessione invernale di calciomercato. Il direttore sportivo, Matteo Patti, spiega come si è mossa la società ai microfoni di TuttoC: "Quello di gennaio è stato un mercato pieno di movimenti mediamente importanti per la categoria, soprattutto nel girone C. Molte squadre hanno fatto innesti di qualità, oltre alle solite Benevento, Avellino, Catania e Crotone, anche altre si sono mosse bene e per tempo".

Come si è mosso il Latina in particolare?
"Prima di tutto ci tengo a ringraziare la società, che mi ha permesso di operare a prescindere dalle eventuali cessioni. Abbiamo fatto sette entrate, tutte funzionali al nostro progetto che prevede di mantenere un'età media bassa, da mixare alla giusta esperienza. Ragazzi come Capanni, D'Orazio, Guadagno, Fasolino e Sorrentino sono calciatori di prospettiva mentre Mazzocco e Vona hanno portato esperienza. In uscita, sono andati via Jallow e Bertini perché ci hanno chiesto la cessione e Gallo per un sovranumero alla lista".

Qual è stato il colpo più importante per voi?
"Fortunatamente non abbiamo avuto grosse complicazioni nelle trattative, nonostante i calciatori presi abbiano un valore importante. Quando sei il Latina, diventa un po' più facile intavolare trattative. Il nostro colpo migliore direi che è stato quello di mantenere tutti i migliori della rosa".

Nel prossimo turno affronterete il Brindisi
"È una piazza importante, ci ho giocato e so cosa vuol dire. Troveremo una squadra esperta, che ha grandi motivazioni e vuole mantenere la categoria. Noi ci faremo trovare pronti".

Quali sono stati i colpi più importanti nei tre gironi di Serie C?
"Valutare il mercato non è mai facile, perché ci sono una miriade di componenti necessarie affinché un calciatore acquistato renda e spesso non basta solo il “nome”, potenzialmente in tanti potranno essere colpi importanti, vedremo chi saprà metterli in condizione".

Come mai la scelta di cambiare allenatore?
"Di donato è un ottimo allenatore che ha aperto un importante ciclo a Latina e per il Latina. Tre anni in Serie C, con la stessa squadra, ne certificano la bontà del suo lavoro ma abbiamo provato a dare una scossa ai ragazzi che tempo fa, stavano vivendo un appiattimento".