INTERVISTA TC - Ds Novara: "Con l'AlbinoLeffe sarà gara di nervi"

30.06.2020 07:30 di Raffaella Bon   Vedi letture
Orlando Urbano
Orlando Urbano

In vista della sfida playoff che il Novara disputerà questa sera contro l'AlbinoLeffe, ai microfoni di TuttoC.com è intervenuto il direttore sportivo azzurro Orlando Urbano.

Come state?
"La squadra sta benissimo, i ragazzi sono rientrati in perfetta forma e quindi è stato facile per lo staff tecnico rimetterli in condizione. Siamo felici del loro comportamento, soprattutto nel periodo dell'emergenza Coronavirus, che permesso loro di rientrare in perfetta forma".

E' di questi giorni la notizia del rinnovo di mister Banchieri fino a giugno 2021.
"E' stata una cosa cercata e voluta dalla proprietà, la quale ha instaurato un buon rapporto con lo staff tecnico e con il sottoscritto che lo ha affiancato in panchina in alcune gare. E' la persona giusta su cui poter costruire qualcosa di importante, anche a livello aziendale. Siamo felici di avere una persona così nel nostro programma tecnico-aziendale".

Quando siete arrivate, credevate in questi playoff?
"Sì, perché quando siamo arrivati eravamo già tra le prime cinque classificate. E' chiaro che questa era una squadra costruita per un campionato tranquillo, ma ha saputo reggere forte e confermarsi partita dopo partita. Il blocco dei campionati ci ha congelato all'interno dei playoff ed ora ce li giocheremo a viso aperto".

Quale è stato il merito della squadra?
"Soprattutto quello di creare una forza di gruppo importante, intorno a un mister che veniva da un settore giovanile. Devo ringraziare tutti per la collaborazione, tutti si sono messi a disposizione, anche quando siamo subentrati noi. Il merito è stato quello di essere stati coinvolgenti e umili senza giudizi, ma facendoli lavorare nel miglior modo possibile".

Che avversario sarà l'AlbinoLeffe?
"L'AlbinoLeffe è una squadra molto tignosa e strutturata. La conosciamo molto bene: l'abbiamo affrontata due volte in campionato e ci ha dato sempre del filo da torcere. In casa loro erano stati molto compatti tra i reparti ed era difficile fare gol: questa è anche la loro dote migliore. Conosco bene Zaffaroni e devo complimentarmi con lui perché è un grande uomo di calcio, che sa ben impostare le gare e sa mettere bene la squadra in campo. Noi dovremo essere più bravi di loro, ma soprattutto di lui, per scardinare la loro forza di squadra, corta tra i reparti".

Che partita si aspetta?
"Sarà molto difficile da giocare. Ci sono stati 3 mesi di pausa e rompere il ghiaccio non penso che sarà facile. Vedo i miei ragazzi pimpanti e vogliosi di fare bene. So già però che troveremo una squadra quadrata. Sarà una partita che si disputerà soprattutto sui nervi, su chi riuscirà appunto a rompere per primo il ghiaccio. Dovremo essere bravi a non farci impreparati ma a sorprendere l'AlbinoLeffe".