INTERVISTA TC - Indiani: "Toscana con 4 retrocesse? Davvero un peccato"

03.05.2021 07:30 di Raffaella Bon   Vedi letture
Paolo Indiani
TMW/TuttoC.com
Paolo Indiani

Brutta giornata quella odierna per le squadre toscane: sono state infatti quattro le retrocesse in Serie D. Pistoiese, Lucchese e Livorno dal Girone A, mentre Arezzo dal Girone B: tutte hanno detto addio alla terza serie. Per commentare questo evento infausto per la Regione Toscana è intervenuto ai microfoni di TuttoC.com il tecnico Paolo Indiani, già sulle panchine dell'Olandesina e dei rossoneri.

Sono ben quattro le squadre toscane retrocesse...
"Incredibile, evidentemente la Toscana non è più come qualche tempo fa. E' davvero un peccato".

La Pistoiese è retrocessa nell'anno del Centenario.
"Ad inizio anno non lo avrei mai pensato, poi purtroppo la situazione è peggiorata. Mi spiace tanto da ex allenatore sia per la proprietà sia per la città. Per capire cosa non ha funzionato bisognerebbe essere dentro la situazione. E' una cosa incredibile mi spiace enormemente per la famiglia Ferrari. E' una cosa molto brutta che sia accaduto nell'anno del Centenario. Se retrocedi direttamente gli errori sono fatti per forza".

Poi la Lucchese...
"Per la Lucchese era un discorso diverso: hanno iniziato con la politica giovane e non sai mai come può finire. Poteva starci".

Il Livorno?
"Ha pagato i problemi societari, senza quelli poteva essere ai playout o addirittura salvarsi direttamente".

L'Arezzo?
"L'Arezzo ha fatto una squadra importante, ma erano partiti talmente male... E' incredibile perché aveva investito anche molto".

Per fortuna Pontedera e Grosseto hanno tenuto alto il nome della Toscana e si sono qualificate ai playoff.
"Pontedera è ormai una realtà consolidata, chi è capace di lavorare viene premiato sempre. Non è mai un caso raccogliere questi successi, sono molto contento per loro. A Grosseto hanno fatto un grande lavoro, partito con tanto giovani e sono stati indubbiamente bravi".