INTERVISTA TC - Lucchese, Lombardo: "Andremo avanti! Fino in fondo"

15.03.2019 06:00 di Claudia Marrone Twitter:   articolo letto 1748 volte
INTERVISTA TC - Lucchese, Lombardo: "Andremo avanti! Fino in fondo"

Quello che sta succedendo alla Lucchese è purtroppo noto a tutti, quello che sarà il futuro del club è ancora un rebus. Ma al netto di una discutibile proprietà, a Lucca c'è una squadra di uomini con attributi che, insieme a pochi dipendenti, sta lottando per evitare una morte annunciata.
Tra questi ragazzi c'è Mattia Lombardo, che ha parlato ai microfoni di TuttoC.com.

Una situazione oltre ogni umana decenza quella che vivete: cosa vi ha spinto a sopportare così tanto?
"Ciascuno di noi sente forte la responsabilità di indossare una maglia prestigiosa come quella della Lucchese, indipendentemente dalle recenti vicende societarie ormai tristemente note. A questo aggiungiamo il desiderio di raggiungere un obiettivo importante come quello della permanenza nella categoria, per ripagare anche l'affetto che tutti i tifosi ci manifestano in ogni occasione. Questo è ciò che ci spinge ad andare avanti ogni giorno a testa alta e con orgoglio".

Avete effettivamente dato una grande lezione morale a tutti: cosa vorresti dire a proprietà, amministrazione comunale e FIGC?
"Io sono un calciatore professionista e preferisco occuparmi delle cose che riguardano il campo. Una cosa però mi sento di dire a chi è coinvolto in questa vicenda a vario titolo: niente e nessuno potrà impedirci di lavorare e lottare per ciò in cui crediamo. Noi crediamo in questo gruppo, nel lavoro quotidiano, nella passione di una città intera e nella possibilità di raggiungere l'obiettivo della permanenza in Serie C".

Da lunedi, però come detto dal DS, potrete andare in vacanza a tempo indeterminato. Che farete?
"Lo dico in due parole: andremo avanti! Fino in fondo".

Ma come pensi che finirà questa triste storia?
"La Lucchese onorerà il campionato sul campo, conquistando la permanenza nella categoria. Sono convinto che di fronte a un risultato così importante qualcuno si farà avanti per garantire un futuro a questo storico club".

Sei figlio d'arte, ma tuo padre Attilio fa parte di un calcio diverso. Cosa ti ha detto in merito a tutto ciò?
"Di guardare sempre oltre l'ostacolo. Ed è quello che faccio ogni giorno".