INTERVISTA TC - Pres V. Verona: “Se andiamo a Trieste commettiamo un reato”

08.05.2021 18:40 di Sebastian Donzella Twitter:    Vedi letture
INTERVISTA TC - Pres V. Verona: “Se andiamo a Trieste commettiamo un reato”
© foto di Ufficio Stampa Virtus Verona

La Virtus Verona resta a casa. Niente playoff, per il momento, contro la Triestina. TuttoC.com ha intervistato Luigi Fresco, presidente e allenatore dei veronesi, per capirne di più sulla situazione in atto.

Domani non si gioca. Che succederà?

“In settimana avevamo avuto tre casi. L’azienda sanitaria locale voleva bloccarci. Speravamo che, non avendo nemmeno un caso oggi, tornassero sui loro passi. Invece ne abbiamo avuto altri tre e quindi hanno disposto la quarantena per tutti. Possiamo solo allenarci e andare a casa, nient’altro. Se andiamo a Trieste commettiamo un reato penale”.

Ha sentito il presidente Ghirelli?

“È molto dispiaciuto, chiaramente lo capisco perché le tempistiche sono strette. Purtroppo non possiamo farci niente, se non rispettare le regole”.

Potrebbe arrivare la sconfitta a tavolino? 

“Non credo ci sarà perché non mi pare che risulti dai regolamenti. La partita è stata ufficialmente rinviata a data da destinarsi. In C nessuna squadra è stata sconfitta a tavolino causa COVID. Noi eravamo pronti a partire: rifinitura fatto, pranzo effettuato e pullman pronto. Poi l’azienda sanitaria locale ci ha inviato una lettera bloccando la partenza”.

E la Triestina?

“Avevo già comunicato questa situazione alla dirigenza alabardata per correttezza. Purtroppo né noi né loro possiam fare nulla”.

Come stanno i sei contagiati?

“I primi tre hanno avuto la febbre e sono stati un po’ male. I tre di oggi al momento sono asintomatici. Mi ero illuso che col calo dei contagi e l’aumento dei vaccini, il COVID si fosse allontanato. Invece è molto presente, pericoloso e reale”.

Sarà una settimana strana...

“Io da lavoratore della scuola sono stato vaccinato. Però adesso dovrò stare una settimana in casa senza lavorare a scuola. Però potremo allenarci, sperando di non avere nuovi positivi in squadra e di avere così l’ok per giocare”.

E adesso?

“Domani nuovo giro di tamponi: abbiamo dele caverne al posto dei nasi. Vediamo come va: un positivo la prima volta, due la seconda, tre la terza. Speriamo di finirla qua, in modo da andare a goderci questi storici playoff a Trieste”.