Cremonese, Bremec e i quattro rigori parati ispirandosi a Dalì

12.05.2014 11:40 di Nicolò SCHIRA Twitter:   articolo letto 3456 volte
Cremonese, Bremec e i quattro rigori parati ispirandosi a Dalì

Nel mondo del calcio la cultura e la passione per l'arte non sono semplici da riscontrare in un calciatore. Così come è altrettanto unico parare quattro calci di rigore nella medesima partita. Ad accomunare gusto artistico e qualità da pararigori è l'estremo difensore Nicolas Bremec Suarez. Il numero uno iberico della Cremonese è rientrato da protagonista solamente qualche settimana fa. Per diversi mesi è rimasto ai box a causa di un fastidioso infortunio. L'arrivo in panchina di Davide Dionigi l'ha rigenerato e rilanciato. Mesi difficili durante la gestione Torrente, fra infortuni e poca considerazione. Per tirarsi su di morale la saracinesca grigiorossa ammirava i dipinti di Salvador Dalì. Suo connanzionale e massimo esponente spagnolo del Surrealismo. Opere in grado di impressionare coloro che le ammiravano. Un po' come accaduto agli spettatori presenti allo Zini dinanzi agli interventi dell'ex Taranto, che ha neutralizzato le conclusioni dal dischetto di Taugordeau, Valoti, Cissè e Salvi. Un'impresa da celebrare. Chissà che Bremec non possa regalarsi una quadro di Dalì da appendere in salotto per festeggiare...