Ds Albinoleffe: "Emozioni incredibili in Calabria. Riproviamoci"

05.06.2021 20:40 di Sebastian Donzella Twitter:    Vedi letture
Ds Albinoleffe: "Emozioni incredibili in Calabria. Riproviamoci"

Simone Giacchetta, direttore sportivo dell'Albinoleffe, ha parlato a lungo ai microfoni ufficiali del club. Partendo dalla grande vittoria in casa del Catanzaro che ha permesso ai lombardi di conquistare le semifinali playoff: "Non trovo le parole per descrivere la gioia per quello che abbiamo provato domenica in Calabria. È stata una trasferta vissuta intensamente, con grande partecipazione silenziosa tanto nei giorni precedenti quanto il giorno della gara stessa ed emotivamente molto coinvolgente. Vedere il Presidente, la famiglia del presidente e i soci seguire la squadra a Lamezia e vedere con quanto entusiasmo hanno vissuto questa sfida e con quanta gioia hanno esultato al fischio finale, dà ancora più senso a quello che stiamo facendo".

"La squadra a Catanzaro ha scritto una pagina importante della propria storia ribaltando un pronostico dato per scontato da tutti alla vigilia, vincendo una partita meritata e dimostrando ancora una volta che il lavoro fatto dal mister e dal suo staff è stato eccezionale. I ragazzi sono cresciuti molto e stanno diventando sempre più consapevoli di come, attraverso questo tipo di atteggiamento e mentalità, si possa ulteriormente migliorare. Alla fine quello che cerchiamo è proprio questo: dimostrare le nostre qualità e capacità e poterci confrontare con avversari riconosciuti da tutti come più bravi di noi, per poi vedere a fine gara se siamo stati all'altezza dell'impegno".

"Sappiamo - prosegue Giacchetta - che arrivando alle Semifinali gli avversari sono più da B che da Lega Pro, perché a un passo dalla finalissima il livello non può che essere da Cadetteria. Sappiamo che ci attendono due partite molto ma molto difficili. Per sostenere questo confronto dovremo dare vita a tutte le energie che ci sono rimaste. Siamo partiti dal Primo turno del Girone e ci stiamo gratificando ora con questa Semifinale: per noi tutti è uno stimolo enorme e anche una dimostrazione che attraverso una filosofia di calcio si possono ottenere dei risultati ma soprattutto sviluppare quelle capacità di quei ragazzi o giovani calciatori di cui abbiamo individuato e riconosciuto le potenzialità. Questo ci rende consapevoli e fiduciosi dei nostri mezzi".

"Detto ciò, il livello dell'Alessandria lo conosciamo molto bene, visto che l'abbiamo affrontata due volte in campionato. Si tratta di una squadra interamente composta da top player, Artico ha allestito una super corazzata. È stato anche un mio compagno di squadra, mi dispiace doverlo affrontare ma, come lui da giocatore era un bomber e io un difensore che doveva guardargli le spalle, questa volta cercherò - se così si può dire - di non farlo muovere con troppa facilità. Sarà una sfida difficile e complicata ma se siamo arrivati fin qui vuol dire che qualche capacità l'abbiamo anche noi. Il fatto di essere inesperti non deve essere di ostacolo ma anzi deve aiutarci a tirar fuori il meglio di quel che abbiamo dentro. Senza questo non possiamo pensare di confrontarci con una squadra così forte e piena di attaccanti importanti".

Infine conclude: "Servono grande attenzione e grande necessità di tirare fuori quelle doti morali e caratteriali che in questo momento ci rendono anche simpatici dall'esterno. L'avversario è top ma faremo del nostro meglio per reggere questo tipo di confronto. Peccato per le assenze degli squalificati Borghini e Manconi, ma onestamente credo che arrivati a questo punto tutti stanno dando del proprio meglio e sono certo che tutti sapranno dare ancora il massimo".