Olbia, Canzi: "Fatta gara perfetta. Mi è piaciuto tutto". Ed è record di punti

14.04.2021 20:10 di Valeria Debbia Twitter:    Vedi letture
Massimiliano Canzi
TMW/TuttoC.com
Massimiliano Canzi
© foto di Uff. Stampa Olbia

La giornata perfetta quella odierna per l'Olbia: nel recupero contro il Como i sardi hanno ottenuto lo scalpo della capolista calando il tris, realizzando anche il record di punti in Serie C e proiettandosi al sogno playoff, che adesso si fa davvero concreto. 

"Avevo chiesto ai ragazzi la partita perfetta e hanno fatto la partita perfetta, contro una squadra meritatamente in testa alla classifica, una grandissima squadra sia per individualità che per modo di stare in campo e conduzione tecnica" è questo il primo commento di mister Massimiliano Canzi nella conferenza post partita. 

Un'Olbia superba che diventa grandissima con le grandi: "In generale per noi è più facile affrontare squadre che provano a giocare perché ti lasciano più spazi e ti consentono di sprigionare l'aggressività e di far cantare il motore. Cosa mi è piaciuto dell'Olbia? Tutto. Oggi abbiamo fatto benissimo la fase difensiva, siamo stati attenti e intensi e siamo riusciti a non subire reti per la terza partita consecutiva e molto bene anche nella fase di sviluppo e conclusione". 

Per punti conquistati, 44, questa è l'Olbia alla sua migliore stagione nella Serie C unica: "Questo è un traguardo importante perché in un'annata così complicata, quando a volte si respirava aria negativa e si parlava di ultima spiaggia, arrivare a fare un primato del genere mi riempie di orgoglio. Ma soprattutto, con la grande consapevolezza che abbiamo ancora quattro partite per migliorare la nostra classifica". 

Una in più delle avversarie e allora il sogno playoff inizia a essere un obiettivo all'orizzonte? "Siamo qui per giocarcela, pensando sempre partita dopo partita. Da domani inizieremo a preparare la partita di Lecco, ci restano quattro sfide da giocare al massimo delle nostre forze e ambizioni". Un lungo abbraccio con i ragazzi in campo a coronamento di un pomeriggio memorabile: "Sì, li abbracciati tutti dopo il triplice fischio, poi ho preferito lasciarli gioire da soli nello spogliatoio perché se lo meritano. Sono fiero di loro".