Pres Trento: "Seregno? Detto la verità. Sconcertato per fallo su Caporali"

08.12.2021 20:15 di Redazione TC Twitter:    vedi letture
Mauro Giacca
TMW/TuttoC.com
Mauro Giacca

Dopo il comunicato del Seregno in merito al match contro il Trentoche seguiva a delle dichiarazioni del presidente trentino Mauro Giacca, lo stesso Giacca, ai microfoni di TMW, ha voluto precisare quanto segue: "Nelle mie prime dichiarazioni è stato omesso che il mio riferimento iniziale era alla gara di Coppa Italia che abbiamo giocato a Salò a settembre, dove la dirigenza lombarda era presente: dalla tribuna il loro capitano, Martino Borghese, e il Dg Ninni Corda usavano parole particolarmente colorite all'indirizzo dei suoi, la panchina disturbava, perdevano tempo in campo... ma questo ci sta, sono malizie di gioco. A Trento i dirigenti non erano presenti, e faccio i complimenti al Seregno per la meritata vittoria, ma sono sconcertato per quanto occorso al nostro Carlo Caporali: l'avversario è entrato a gamba dritta per poi raschiargli la gamba, provocandogli 20 centimetri di strappo. Aveva l'osso in vista, sono serviti 15 punti tra interni ed esterni. Mattia Seno si è persino spaventato, ma non contesto l'espulsione perché ha toccato l'arbitro, giusto così, e con lui si è spaventato anche un calciatore del Seregno che, vista la scena, si è coperto la faccia con la maglia. Le urla successive dentro lo spogliatoio dei lombardi non le critico, ma non capisco il perché si debbano fare certe azioni, certi falli, incuranti poi del ragazzo: la squadra avversaria, sotto la nostra curva, è andata a saltellare a fine partita, quello è esultare. E non serve farlo se un ragazzo, un loro collega è andato in ospedale. Mi vogliono querelare? Porterò avanti questa cosa, perché so di dire la verità".