Top & Flop di Padova-Juventus U23

01.12.2021 16:35 di Niccolò Anfosso   vedi letture
Ronaldo Pompeu
TMW/TuttoC.com
Ronaldo Pompeu
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

La vince il Padova. Ma dopo aver sudato più di sette camicie. Perché la Juventus U23 si presenta all'Euganeo con coraggio e organizzazione. E va vicino al vantaggio nei primi 45' con la traversa di Sekulov, creando pure diversi presupposti sventati in extremis dalla retroguardia di Pavanel. Ma nel momento forse più complicato per i padroni di casa, asserragliati e quasi costretti a rimanere con un baricentro basso per difendere ogni velleità ospite, le sorti le indirizza Ceravolo, proprio sul crepuscolo della prima frazione. Segnando una rete da centravanti vero, dopo aver colto l'intuizione geniale di Chiricò, conclusa dal fendente in diagonale che vale l'ottavo centro in campionato. Poi il bolide di Jelenic mette in cassaforte il risultato. I biancoscudati accorciano sul Sudtirol: la vetta ora è distante 4 lunghezze e gli altoatesini forse iniziano a sentire la pressione di un'inseguitrice di assoluto livello.

TOP

Ronaldo Pompeu (Padova): geometrie dall'efficiente resa nella verticalità costantemente ricercata. Dove ruota il suo destro i suggerimenti banali non sono ammessi, perché la voglia di lasciare il segno con i piedi da regista raffinato c'è ogni volta che sfiora ogni tracciante del possesso. QUALITÀ REGNANTE

Il coraggio della Juventus U23: sin dalle prime battute si nota un atteggiamento arrembante tanto nell'aggressività quanto nella proposta d'impostazione. Non rinunciano al duello, battagliando colpo su colpo gli uomini di Zauli, che devono soccombere solo per una giocata d'alto rango di Ceravolo, ma nei primi 45' dimostrano d'essere un avversario assai spigoloso. AVANTI SU QUESTA STRADA

FLOP

Terrani (Padova): non trova la posizione per colpire, si isola dalla manovra e le poche traiettorie che lo vedono coinvolto non riesce a trasformarle in pericoli. La sostituzione d'inizio ripresa è naturale conseguenza d'una prestazione deludente. SPENTO

Nessuno (Juventus U23): spensieratezza ma grande organizzazione, oltre a fisicità, dinamismo e prontezza nei riflessi per giocarsela a viso aperto contro una corazzata. MANCAVA SOLO IL GOL NEL PRIMO TEMPO