Rimini, Cioffi: "Il rigore? Ci vuole buon senso nell'interpretazione"

13.10.2019 23:25 di Anna Catastini   Vedi letture
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com
Rimini, Cioffi: "Il rigore? Ci vuole buon senso nell'interpretazione"

Il Rimini esce con un pareggio dalla trasferta di Fano. Trasferta che si era messa male per i romagnoli, costretti a giocare in dieci nei minuti finali e salvati dal portiere Scotti che ha parato un rigore nel primo tempo. In sala stampa, l’allenatore Renato Cioffi, commenta lo 0-0 di Fano: “Sono soddisfatto perché ho visto una squadra di carattere – riporta il portale AltaRimini.it  – nel primo tempo e fino all’espulsione di Zamparo abbiamo pressato bene, a tutto campo, ho visto l’atteggiamento giusto. Avevamo in mano il pallino del match. Poi in dieci è cambiata la partita, siamo passati al 4-4-1 e abbiamo tutto sommato controllato bene la gara senza soffrire più di tanto. i ragazzi hanno giocato col cuore, ciascuno di loro ha lottato con il coltello tra i denti su ogni pallone senza mai risparmiarsi. Ho rivisto la mia squadra, che vuole giocare. Undici contro undici abbiamo fatto meglio noi contro un avversario reduce da due vittorie di fila fuori, a Salò e Imola, che sa farsi valere. Spero sia l’inizio di un nuovo inizio. La cosa positiva è che non abbiamo subito gol”.
Sugli episodi decisivi: “Parlati era a due passi da Nava quando ha calciato in posizione defilata appena dentro l’area e il mio giocatore aveva le braccia lungo il corpo: credo ci voglia un po’ di buon senso nell’interpretazione delle regole. Quanto a Zamparo, ha solo cercato di divincolarsi  dopo che per l’ennesima volta l’avversario lo strattonato accentuando poi la caduta. Il mio giocatore mi ha mostrato la schiena: è  piena di graffi, mi metto nei suoi panni”.
Ora il derby col Cesena: “Comincio a pensarci da stasera, ci meritiamo una bella soddisfazione: la squadra, la società, i tifosi. Faremo in tutte le maniere per regalarcela”.